LA GRANDE NOTTE DEL CANOTTAGGIO AZZURRO

Notti speciali, in attesa che si trasformino in magiche. Anche per noi, anche per loro che da 5 anni, tra Sabaudia e Piediluco passando per i maggiori appuntamenti internazionali (Europei, Coppa del Mondo, Mondiali) e un 2020 segnato dal Covid-19, si allenano a spron battuto per inseguire il proprio sogno. Con grandissima generosità, senza mai risparmiarsi, seguendo alla lettera il programma d’allenamento del DT Franco Cattaneo e della squadra di tecnici.


Foto Canottaggio.org

Partiamo alle 3:10. Il 4 senza, per 3 quarti, è la barca di Rio de Janeiro. Con la potenza di Giuseppe Vicino e Matteo Lodo, arrivate a primavera inoltrata dal 2 senza, e il carisma Matteo Castaldo, dimostrazione vivente di come, se oggetto della giusta considerazione, non esista un età per coltivare un progetto ad alto livello. C’è la novità Bruno Rosetti, alla sua prima Olimpiade alla “tenera” età di 33 anni dopo aver lasciato il Canottaggio per otto stagioni e vivere svariate esperienze lavorative: dalle piattaforme petrolifere in Kazakistan alla raccolta della frutta in Australia. Già Australia, una delle favorite al trono del 4 senza. La sfida (persa) nelle ultime tre Olimpiadi con la Gran Bretagna, l’incognita Stati Uniti. La finale sarà uno spettacolo e l’Italia, mai come quest’anno, ha tutto per stupire.

Ho ricordi abbastanza nitidi delle “torture”, strillate a non finire, a cui Peppe Vicino mi sottoponeva non più tardi di una dozzina di anni fa nei viaggi in pullman da e per il campo di regata di Brive La Gaillarde, in Francia dove, da capovoga giovanissimo (secondo anno Ragazzi) vinse la sua prima al Mondiale Junior. Così anche delle lacrime di rabbia di Luca Rambaldi, a Eton, causate da quella Romania che portò via l’oro all’Italia. Luca, dopo l’esplosione di questo quadriennio (quinquiennio) vivrà la sua prima finale olimpica questa notte alle 3:30 in 4, 5 di coppia favoloso. All’esordio, a 27 anni, insieme ad altri giovani compagni di viaggio. Giacomo Gentili (24 anni) porterà in barca i preziosi insegnamenti ricevuti da Agostino Abbagnale. Un predestinato: alla domanda “Dove ti vedi tra 10 anni?”, formulata nel 2014, disse “In un corpo militare ad allenarmi per le Olimpiadi”. Obiettivo raggiunta prima, molto tempo prima. Andrea Panizza (23 anni) farà certamente mente locale a proposito di anni e anni di pratica con il Mito: il novantaquattrenne Giuseppe Moioli, campione olimpico a Londra 1948. E poi l’esperienza di Simone Venier, papà di Gioele alla sua quinta Olimpiade e presente anche nell’ultima argentata finale del 4 di coppia di Pechino 2008.

Quel che Olanda e Polonia non vedranno e non potranno calcolare, in un confronto al cardiopalmo, sarà l’apporto che Filippo Mondelli, in termini di ispirazione, esempio (per abnegazione e dedizione al lavoro) motivazione e voglia dei nostri ragazzi di dedicargli il più grande dei traguardi possibili, darà questa notte.

Alle 3:50 il quattro di coppia femminile di Stefania Gobbi, Veronica Lisi, Alessandra Montesano e Valentina Iseppi proverà a spingersi il più lontano possibile in una finale che già rappresenta un grande obiettivo raggiunto. Mancava da 37 anni all’Italia quando Raffaella Memo, Alessandra Borio, Donata Minorati, Antonella Corazza e la timoniera Roberta Del Core chiusero seste. Antonella Corazza disputò la batteria nel singolo ma poi venne dirottata sul quattro di coppia per sostituire Paola Grizzetti infortunatasi durante un allenamento. Le nostre agguerrite azzurre dovranno vedersela con Cina, Polonia e Olanda, il podio dei Mondiali 2019. Venderanno carissima la pelle. Ventisei anni Stefania, 24 Valentina, 23 Alessandra: con loro la caparbia Veronica, 34 anni a ottobre, tornata ai remi nel 2018 dopo 15 anni di stop agonistico.

Terminate le finali, il programma prevede l’inizio delle semifinali, due per ogni specialità e i primi tre accederanno alla finale, con l’Italia che sarà in gara in quattro di esse. Il primo equipaggio a scendere in acqua per l’Italia, alle 11.30 (4.30 italiane) sarà il doppio pesi leggeri maschile, di Stefano Oppo e Pietro Willy Ruta. Alle 11.50, le 4.50 italiane, sarà in acqua, invece, il doppio pesi leggeri femminile di Valentina Rodini e Federica Cesarini. Alle 12.10 (5.10 italiane) prenderà il via la semifinale del due senza maschile, di Giovanni Abagnale e Marco Di Costanzo. L’ultima semifinale sarà alle 12.30, 5.30 italiane, e vedrà in gara il due senza di Kiri Tontodonati e Aisha Rocek 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...