LA PARALIMPICA SCAZZOSI LASCIA CON AMAREZZA. “RIMPROVERATA PER LA PARTECIPAZIONE ALLA CERIMONIA D’APERTURA”

La finale alle Paralimpiadi di Tokyo nel 4 con? L’ultima sua esperienza remiera. Cristina “Kikki” Scazzosi, uno degli assi della Nazionale di ParaRowing, parla a “La Stampa” del presente e del futuro.

Dalla mancata partecipazione alle Paralimpiadi di Rio al quinto posto ottenuto a fine agosto. «Ma quell’esperienza non me la sono goduta come avrei voluto – ammette -. Quasi rimpiango di non essere rimasta a casa. Non condivido il modo in cui viene gestita la nazionale, a partire dal sistema con cui si formano gli equipaggi. A Rio 2016 ero stata tagliata fuori senza una valida motivazione e in questi ultimi tempi altri atleti non hanno avuto la chance che meritavano per cercare di entrare in squadra. Ci sono stati litigi interni ed è mancata l’armonia. Addirittura sono stata rimproverata per avere partecipato alla parata iniziale, assurdo».

Uno sfogo estremamente duro nei confronti dell’area federale al quale a oggi, sull’house organ della Federazione Italiana Canottaggio, ancora nessun dirigente o allenatore ha voluto dare seguito o risposta. La vogatrice della Canottieri Lago d’Orta era stata convocata per partecipare al raduno paralimpico di Piediluco dal 10 al 16 gennaio ma, nell’intervista a La Stampa, spiega di aver rinunciato perché «ho altri programmi di vita – racconta -. Sogno di diventare mamma e come seconda opzione mi piacerebbe iniziare una nuova avventura nel triathlon».

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...