Archivi categoria: Articoli

l’italia europea è straripante: varese la applaude

L’impegno degli oltre 250 volontari agli Europei di Varese è assolutamente ripagato dalla prestazione degli equipaggi azzurri. Una domenica trionfale, con più di metà dei finalisti in medaglia e una generale condizione tecnica e fisica che fa capire che siamo sulla strada giusto verso le Olimpiadi di Tokyo. Ben otto su quindici: tre ori (doppio leggero femminile, 4 di coppia maschile, 4 di coppia leggero maschile), tre argenti (2 senza, 2 senza Pesi Leggeri, singolo Pesi Leggeri) e due di bronzo (doppio leggero maschile, 4 senza maschile). Italia sul podio in ben cinque specialità olimpiche, con due vittorie continentali.

Magistrale prova del 4 di coppia maschile! Venier, Panizza, Rambaldi e Gentili stritolano olandesi, apparsi imbattibili nel 2020 e ricondotti oggi alla normalità dall’uragano azzurro. Una sensazione di forza davvero straordinaria, una buona costanza di rendimento in tutto il percorso. Fantastiche Valentina Rodini e Federica Cesarini! Sono campionesse d’Europa alla Schiranna di Varese al termine di una gara praticamente perfetta! Il loro doppio leggero vola via, controlla sempre molto bene la situazione in ragione di una maturità acquisita in queste ultime tre stagioni: a nulla valgono i disperati attacchi conclusivi delle inglesi. Goretti, Vicino, Torre e Rocek lasciano con il fiato sospeso dopo un duello eterno con la Francia: è la vittoria del cuore e arriva con soli 2 centesimi di margine sui transalpini.

Il 2 senza di Lodo e Vicino parte forte e chiude fortissimo (come consuetudine) cedendo qualcosa di troppo ai Sinkovic sul passo. All’arrivo i croati devono stringer i denti per ripararsi dall’attacco all’arma bianca di Matteo e Peppe, bravi a scrollarsi di dosso la pressione della Serbia e il possibile ritorno della Romania. Vicino dedica questa bella medaglia alla nonna recentemente scomparsa e sua prima tifosa. Il capitolo degli argenti comprende anche le belle gare del singolista leggero Soares e del 2 senza leggero Fasoli-Mantegazza.

Oro a ottobre, terzi oggi dietro Irlanda e Germania. L’importante per il doppio leggero di Oppo e Ruta è esser sempre tra i migliori e non mancare mai l’appuntamento con la medaglia. Rush finale eccezionale per il 4 senza. Scalzata l’Olanda, con solo inglesi e rumeni (vicini) davanti, l’Italia di Di Costanzo, Abagnale, Rosetti e Castaldo si mostra generosa negli sforzi ed è brava a credere sempre nella possibilità di salire sul podio anche quando a 500 metri dal traguardo è lontano un secondo e mezzo.

Chiudono quarto il 4 con ParaRowing, quindi il pararower Spolon, il doppio PR2 Mirabile-Nardo, il 4 di coppia femminile e l’otto maschile, sesto il 4 senza femminile e l’otto femminile.

EUROPEI A VARESE: L’ITALIA FA LE PROVE PER LE MEDAGLIE

Risultati più che soddisfacenti anche oggi in chiave Tokyo per l’Italia padrone di casa agli Europei di Varese. In copertina oggi il doppio pesi leggeri di Cesarini e Rodini, capace di vincere la propria semifinale tenendo adeguatamente a bada Irlanda e Russia. D’accordo che forse le peggiori clienti (inglesi, olandesi, rumene) si sono affrontate tra loro nella gara precedente ma la solidità espressa, oggi più di ieri, dalle azzurre vicecampionesse europee è molto significativa.

Tornando alla copertina, effettivamente andrebbe condivisa con il 2 senza. Lodo e Vicino sono un’assicurazione sulla vita, magistrali nel prendere il comando e nel gestire gli attacchi di serbi, olandesi e inglesi, fuori dalla finale per 2 centesimi. Italia più veloce anche dei fratelli Sinkovic, “in carrozza” con Romania e Francia.

Quel secondo e mezzo subito guadagnato su tutti gli avversari nei primi 500 metri è già altamente indicativo della forza del 4 di coppia. Gentili, Panizza, Rambaldi e Venier consolidano la propria leadership, palata dopo palata, e diventano ben presto spettatori della lotta per la qualificazione e della “festa baltica” con il secondo posto estone e il terzo lituano, parecchio distanti dalla prestazione azzurra: Oppo e Ruta, nel doppio leggero maschile, assaggiano l’ottima forma degli irlandesi. Azzurri secondi, nell’altra semifinale si vede una effervescente Germania.

Gara generosa del 4 senza femminile. Rocek, Tontodonati, Patelli e Ondoli staccano il biglietto per la finale eliminando la Danimarca e contendendosi la leadership sino all’ultimo centimetro con le russe poi vincitrici del recupero. Di Costanzo, Abagnale, Rosetti e Castaldo non si strappano i capelli dopo la velocissima partenza britannica. In vista della finale di domani, meglio risparmiare preziose energie in una semifinale in cui la qualificazione non è mai in discussione. A tirarsi il collo, nell’altra gara odierna del 4 senza, Olanda, Romania, Polonia e Svizzera: elvetici out per 4 centesimi!

Ottima performance anche per il 4 di coppia femminile, vincitore del proprio recupero con Guerra, Montesano, Lisi e Gobbi.

Anche il pararower Massimo Spolon si guadagna l’accesso alla finale. Perdiamo per strada i doppi: di pochissimo, però, i giovani Chiumento e Carucci, mentre Buttignon e Iseppi sono maggiormente staccate. In finale B anche Gennaro di Mauro e la singolista leggera Arianna Noseda.

Domani, per le medaglie, lotteranno nove barche olimpiche, tre paralimpiche e tre non olimpiche.

A VARESE PIACE L’ITALIA EUROPEA

Promettenti primi passi per l’Italia del DT Franco Cattaneo a Varese nella prima giornata degli Europei. Avanti 6 delle 7 (l’otto è in finale diretta) barche olimpiche maschili con, in primo piano, l’ottima performance del 2 senza di Lodo e Vicino, autori del miglior tempo delle batterie. Tre barche tutte con il tempo di 6’34 nelle tre batterie: i Sinkovic e la Romania saranno rivali molto accreditate lungo la strada del successo.

Autorevole prova anche per 4 di coppia e doppio. Anche la barca di Venier, Panizza, Rambaldi e Gentili si impone in batteria lanciando il primo segnale all’Olanda, anch’essa leader di giornata. Molto decisa anche l’azione del doppio leggero Ruta-Oppo, campioni europei in carica che sanno già di doversela vedere con una Irlanda “in palla”. Avanti anche il 4 senza (Di Costanzo, Abagnale, Rosetti, Castaldo), preceduto dalla Romania, e, dopo i recuperi, il singolista Di Mauro e il doppio Carucci-Chiumento.

Quasi tutta ai recuperi la squadra femminile, a parte il doppio leggero Cesarini-Rodini che finisce terzo e stacca il pass per la semifinale. Da rivedere il doppio Iseppi-Buttignon, il 4 senza di Rocek, Tontodonati, Patelli e Ondoli e il 4 di coppia di Guerra, Montesano, Lisi e Gobbi. Anche l’otto femminile è in finale diretta. Esce anticipatamente di scena la singolista Elisa Mondelli.

Tra i non olimpici Paco Soares accede alla finale del singolo Pesi Leggeri. Ai recuperi Arianna Noseda e, nel ParaRowing, Massimo Spolon.

TUTTI I PASS ASSEGNATI A VARESE PER TOKYO 2021

È terminata oggi alla Schiranna di Varese la Regata Europea di Qualificazione Olimpica e Paralimpica. Lunedì si sono disputate le batterie e i recuperi, mentre oggi, nella giornata dedicata alle finali della manifestazione, si sono assegnate le medaglie e i 12 pass per Tokyo.

A volare in Giappone tra pochi mesi per le Olimpiadi saranno le singoliste Hanna Prakhatsen (Russia), Diana Dymchenko (Ucraina) e Jovana Arsic (Serbia) e i singolisti Stefanos Ntouskos (Grecia), Alexander Vyazovkin (Russia) e Bendeguz Petervari-Molnar (Ungheria).
Hanno conquistato la qualificazione nel doppio pesi leggeri femminile dopo un’appassionante finale le russe Anastasia Lebedeva e Maria Botalova e le greche Zoi Fitsiou e Evangelia Anastasiadou. Sul podio ma non a Tokyo le austriache Valentina Cavallar e Louisa Altenhuber. Nel doppio pesi leggeri maschile, fanno festa gli ucraini Igor Khmara e Stanislav Kovalov e i portoghesi Pedro Fraga e Afonso Costa che hanno staccato di molto ogni avversario nella gara decisiva; terzo posto per i russi Kirill Blinovskikh e Maksim Telitcyn.
Varese è stata palcoscenico della qualificazione alle Paralimpiadi per la bielorussa Liudmila Vauchok, atleta del singolo PR1 che ha già partecipato ai Giochi invernali nel Cross-Country skiing, e per lo spagnolo 46enne Javier Reja Munoz.

Se oggi è calato il sipario sulla Regata Europea di Qualificazione Olimpica e Paralimpica, domani si alzerà quello sugli Europei Assoluti, l’appuntamento più importante in questa settimana di grande canottaggio a Varese. Poco fa si è tenuto il sorteggio delle corsie e sono stati ufficializzati gli orari.
Il via alla manifestazione sarà dato domani alle ore 9.30 con le batterie del singolo PR1 femminile. Alle 10.16 scatteranno quelle del due senza femminile e la serie di gare preliminari si chiuderanno alle 13.55 con l’otto maschile. Nel pomeriggio sono previsti i recuperi. 

EUROPEI E QUALIFICAZIONI a varese: tutti i numeri

Mancano ormai solo pochi giorni al via della settimana di grandi eventi internazionali di canottaggio sul Lago di Varese. Da lunedì 5 a mercoledì 7 aprile è in programma la Regata Europea di Qualificazione Olimpica e Paralimpica, mentre da venerdì 9 a domenica 11 il Lido della Schiranna si popolerà degli atleti che andranno a caccia di una medaglia al Campionato Europeo Assoluto. I numeri legati alle due manifestazioni dei 6 giorni complessivi di gare sono di grande rilievo ed è giusto sottolinearli.

Le realtà che compongono il Comitato Organizzatore potranno contare sul patrocinio di 4 enti e sul sostegno offerto dai 17 sponsor. Ad arrivare a Varese per la Regata Europea di Qualificazione Olimpica e Paralimpica saranno 67 atleti di 22 nazioni, tutti a caccia di un pass per i Giochi di Tokyo. Le Nazionali più numerose, tra cui l’Italia, hanno già qualificato le proprie barche per la rassegna olimpica e, dunque, non saranno al via; discorso inverso, invece, per altre come Portogallo, Grecia, Belgio, Andorra o Israele, ad esempio, che proveranno a farlo a Varese.
In palio ci sono 17 pass da conquistare nei tre giorni di competizioni.

Quanto agli Europei Assoluti, sono attesi ben 629 atleti di 35 nazioni. Il gruppo più numeroso è quello dell’Italia che ha iscritto 21 barche; Olanda e Gran Bretagna, entrambe con 18 equipaggi iscritti, vengono subito dopo gli azzurri. La gara con più barche al via sarà il singolo maschile al quale si presenteranno 26 nazioni, seguito dalle 17 del singolo femminile.
Le 24 Finali A previste metteranno in palio le 72 medaglie della kermesse continentale che vedrà il Lago di Varese assoluto protagonista per all’incirca 24 ore di regate complessive suddivise in tre giorni. Venerdì 9 aprile si partirà alle ore 9 con le qualificazioni e i ripescaggi, sabato 10 aprile ci saranno quarti di finale dove previsti, semifinali e Finali C e D, mentre domenica 11 aprile dalle 9.55 alle 15.36 si susseguiranno le Finali A che assegneranno i titoli europei.

La settimana di eventi internazionali a Varese coinvolgerà, oltre agli atleti e agli staff delle varie Nazionali, anche circa 250 volontari e diverse strutture ricettive della provincia nell’arco di 25 chilometri dal campo gara. Migliaia i pernottamenti già prenotati da tempo che daranno un po’ di linfa al settore turistico nostrano, provato dagli effetti della pandemia dell’ultimo anno.

Seppure chiuse al pubblico, le manifestazioni saranno raccontate dagli addetti ai lavori (accreditati 30 giornalisti da tutta Europa) che potranno usufruire della tribuna coperta posizionata di fronte all’arrivo e che può ospitare fino a 100 persone per rispettare le limitazioni dovute al Covid.

Varese 2021: gli eventi internazionali producono un grande impatto turistico

La Regata Europea di Qualificazione Olimpica (5-7 aprile) e il Campionato Europeo di Canottaggio (9-11 aprile) si avvicinano a grandi passi e i numeri legati a queste due manifestazioni di respiro internazionale si fanno sempre più definiti. In particolare, a poco più di due settimane dal via, si iniziano a delineare i dati relativi all’impatto che questi eventi avranno sul settore turistico del Varesotto, fortemente provato dagli effetti della pandemia nell’ultimo anno. Continua a leggere Varese 2021: gli eventi internazionali producono un grande impatto turistico

Varese presenta un super aprile internazionale. Italia pronta anche con l’otto femminile

Coppa del Mondo 2016 alla Schiranna di Varese. L’otto azzurro, con a bordo l’attuale DG del Comitato Organizzatore Frattini, è medaglia d’argento

Questa mattina, in call conference, si è svolta la conferenza degli eventi internazionali 2021 che saranno ambientati alla Schiranna di Varese. Dal 5 al 7 aprile le regate continentali di qualificazione olimpica e paralimpica in proiezione Tokyo. Dal 9 all’11 aprile gli Europei. Un grande sforzo, in tempi di pandemia, da parte di un Comitato Organizzatore coeso e attento alle esigenze di tutte le delegazioni (atleti, tecnici, dirigenti e giudici arbitri) in arrivo da tutta Europa. Continua a leggere Varese presenta un super aprile internazionale. Italia pronta anche con l’otto femminile

Tre Donne alla guida dei Comitati Regionali, fortino Antonucci nel Lazio

Tre cambiamenti e una riconferma nel fine settimana. Proseguono le elezioni dei Comitati Regionali e il rinnovo delle cariche elettive. Iniziamo da casa… Dalla Liguria, quindi, dove il grandissimo equilibrio regnante alla vigilia si spezza nell’urna: a vincere, per una preferenza (8-7), è  Carola Maccà, vogatrice della Canottieri Sanremo (ma anche socia Elpis Genova con una passione nata nella LNI Sestri Levante), sul presidente uscente Francesco Ferretto, alla guida di FIC Liguria dal 2017 dopo aver tenuto per molti anni le redini della Canottieri Argus. Continua a leggere Tre Donne alla guida dei Comitati Regionali, fortino Antonucci nel Lazio