Junior a corrente alternata

Premiata ditta Maestrale- Capuano (foto Perna)
Premiata ditta Maestrale- Capuano (foto Perna)

Noi, la Germania e la Romania. Siamo le uniche tre nazioni a investire molte risorse federali nella categoria Junior in vista del Mondiale ed a trarre, come è logico che sia, il maggior numero di soddisfazioni. A molte altre grandi nazioni, leggi ad esempio la Gran Bretagna, l’Australia o la Nuova Zelanda,  interessa il canottaggio dei grandi, dai 19 anni in su. Prima,  grande libertà e, ovviamente, autofinanziamento per le iniziative societarie o intersocietarie .  Roba che se accadesse in Italia, tutti ormai abituati alla sempre pagante mamma Federazione, scoppierebbe il più grande dei putiferi. State sereni, nemmeno in questo quadriennio ci sarà la rivoluzione. 
Piccola doverosa premessa per inquadrare l’attenzione riservata dall’area tecnica alle sfide Junior del Memorial d’Aloja.  Italia a corrente alternata, già. Prestazione globalmente sufficiente, anche se sappiamo che le barche corte, in genere, non sono mai il nostro forte.

A vincere, due finali su due, solo il due senza di Andrea Maestrale e Ivan Capuano, già visti piuttosto in palla al Meeting Nazionale. Calabrese-Ficarra e De Majo-Favilli (toh, ancora Justin!) incassano sei e quattro secondi. Da tenere d’occhio i due partenopei!
Il singolista Giacomo Gentili, da noi intervistato giovedì, si conferma il miglior italiano ma trova nel tunisino Mohamed Taieb un ostacolo insormontabile. Doppi in balia della Lituania: i fratellini minori di Mascinkas e Ritter, Dovydas Nemeravicus e Andius Lapatiukas, vincono sempre. Sabato, con 2”02 su Lorenzo Fontana e Pietro Cattaneo. Domenica, con 1”18 su Mirko Cardella ed Emanuele Fiume, ma in mezzo, seconda, c’è la Grecia di Petrou e Ntouskos. Freccia Bianca, sabato, nel singolo con la Pelloni le avversarie di Grecia e Lituania che domenica, in assenza del Gatto (Bianca terza nel doppio con Paola Piazzolla) possono ballare. Il due senza è una questione solo italiana: sabato vincono Andrea Olga Jorio Fili e Chiara Gilli, domenica Allegra Francalacci e Sarah Caverni. Il doppio? Italia-Grecia 1-1. Prima Valentina Iseppi ed Elena Waiglein, poi la reazione di Zerva ed Angelopoulou. 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...