Archivi tag: Cattaneo

Novità importanti per la squadra azzurra verso Amsterdam

Il DT La Mura
Il DT La Mura

Facciamoci perdonare, dai, perché qualche lettore ci ha rimproverato l’assenza di queste ultime giornate, trascorse in vacanza sulle spiagge della Corsica. Così, dopo il commento ai Mondiali Junior di Amburgo, vi anticipiamo anche tante novità nelle formazioni degli equipaggi azzurri che, tra 13 giorni, esordiranno ad Amsterdam. Il secondo Mondiale assoluto del La Mura bis e della nuova era dirigenziale targata Giuseppe Abbagnale. Cambiamenti post Lucerna, avvenuti alla luce delle importanti analisi svolte dal DT (più presente anche fisicamente in questo periodo almeno 2 volte a settimana a Piediluco) insieme al suo braccio destro Franco Cattaneo ed ai capisettore.
Continua a leggere Novità importanti per la squadra azzurra verso Amsterdam

Belgrado tra dubbi e certezze

canottaggiomania_Belgrado_medagliaDalle Europee agli Europei. Dopo i primi 500 metri di Laura e Betta, anche qui il Maalox era già sui nostri tavoli. Pronto da mandar giù, con il tappo già aperto. La grande rimonta del nostro doppio leggero ci ha permesso di chiuderlo e poi, a rimetterlo nel cassetto, ci ha pensato il quattro senza maschile. Tre medaglie, due olimpiche più l’argento di Marcello Miani, sono la cifra di un appuntamento internazionale dai risultati complessivamente non in linea con i buoni traguardi centrati negli appuntamenti internazionali del 2013.  Non c’è stato, in sintesi, il proseguimento di quel trend di crescita registrato nelle regate della passata stagione e ciò stupisce un po’ alla luce del grande impegno, autunnale, invernale e primaverile, profuso da parte di tutti gli atleti, più volte riconosciuto dagli stessi tecnici federali, nello svolgere quanto richiesto dai programmi d’allenamento. Senza se e senza ma.  Continua a leggere Belgrado tra dubbi e certezze

Belgrado? Ecco come sarà l’Italia formato Europei

Fossi e Battisti
Fossi e Battisti (foto Artegiani)

Prima gli Junior, poi Senior e Pesi Leggeri femminili e maschili. E’ tempo di Europei. Ieri vi abbiamo annunciato i 13 equipaggi giovanili, allestite da Antonio Colamonici e Claudio Romagnoli, ed oggi andiamo, invece, a scoprire la squadra dei grandi. Una squadra ancora in raduno e, quindi, con formazioni suscettibili di variazioni. Arrivati in Serbia, a Belgrado, si potrà cambiare sino al 50% di ciascuna barca.   Continua a leggere Belgrado? Ecco come sarà l’Italia formato Europei

Fiducia, ma no alla “scorta”

canottaggiomania_lamura_cattaneo_bis“Ambizione + motivazione + anteposizione (capacità di mettere il canottaggio al primo posto nei momenti più importanti n.d.r.) + gruppo = successo”. E’ un’equazione, anzi il Credo, con cui il nostro head coach azzurro si presenta nel dicembre 2012.  Franco Cattaneo e la sua principale qualità. Il Risultato: quel che è fondamentale e rimane, indistruttibile, al netto delle tante chiacchiere. Prendendo in prestito e cambiando leggermente Aristotele, “Primum vincere, deinde philosophari”. Per le più forti nazioni, infatti, conta solo l’Olimpiade e qui Cattaneo non sbaglia un sol colpo: dal quattro senza PL bronzo ad Atene 2004 al doppio (societario!) argento a Londra 2012 passando per il quattro di coppia vicecampione olimpico a Pechino 2008.  Continua a leggere Fiducia, ma no alla “scorta”

La Mura un anno dopo

canottaggiomania_LaMura_1annoChe coincidenza! Con la fine del primo raduno di Sabaudia, naturalmente proiettato nella stagione 2014, si conclude anche il primo anno della gestione La Mura. 22 dicembre 2012: giorno dell’investitura del DT e dell’head coach (inizialmente coordinatore maschile con successivo ampliamento del raggio d’azione anche alla squadra femminile) da parte del Consiglio Federale, insieme alla scelta dei responsabili di settore a cura del DT.   Continua a leggere La Mura un anno dopo

Strada giusta ma appena imboccata

Franco Cattaneo e Andrea Coppola
Franco Cattaneo e Andrea Coppola: buona musica a Chungju per la nostra Nazionale (foto Artegiani)

Termina con le Pagelle l’analisi, a caldo, del Mondiale di Chungju ma naturalmente continueremo a occuparci della nostra Nazionale ed a riflettere ad alta voce. L’Italia esce indubitabilmente rafforzata dalla Corea del Sud. La coperta non sarà lunghissima, ma certamente è meno corta di quanto si potesse pensare a dicembre. Nel primo anno della gestione La Mura-Cattaneo, si sposta subito l’ago della bilancia: dai campioni affermati verso le giovani promesse, ora non c’è più il gap degli anni precedenti tra veterani e virgulti,  con la consapevolezza di poter puntare, nei prossimi tre anni, ad amalgamare gli uni e gli altri senza compiere alcun tipo di azzardo. Continua a leggere Strada giusta ma appena imboccata

Dalla quantità alla (grande) qualità

Giuseppe Abbagnale e Franco Cattaneo felici per la medaglia del doppio Fossi-Battisti
Giuseppe Abbagnale e Franco Cattaneo, felici per la medaglia del doppio Fossi-Battisti

Italia prima nel medagliere complessivo del Mondiale, quello comprendente specialità olimpiche, paralimpiche e non olimpiche. Otto medaglie per i 24 equipaggi (80 atleti) presentati dalla nostra Federazione a Chungju. Otto, come gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e la Germania. In una dichiarazione da poco rilasciata a Canottaggio.org,  Giuseppe Abbagnale si è così espresso. “Questa è una posizione di prestigio che ci fa comprendere come il lavoro impostato, insieme a tutto il mio consiglio ed alla direzione tecnica, stia già portando i suoi frutti”. Parafrasando l’ex difensore pugliese Luigi Garzya, possiamo dire di essere perfettamente d’accordo a metà con il Presidente. Continua a leggere Dalla quantità alla (grande) qualità

Amar-Italia: doppio PL e quattro senza ai piedi del podio

canottaggiomania_chungju_finale_4senzaKiss and cry, Italia. Non solo gioia per lo storico successo del doppio leggero femminile, ma purtroppo anche tanta amarezza per le medaglie sfumate. Sgombriamo subito il campo da ogni dubbio. I quarti posti, nel doppio PL di Andrea Micheletti e Pietro Ruta e nel quattro senza maschile (Matteo Lodo, Paolo Perino, Mario Paonessa, Giuseppe Vicino), sono buoni risultati. Due equipaggi di prospettiva, con a bordo sei atleti molto giovani. Ruta, il più anziano, ha 26 anni. Tutti, a parte Perino (sesto nel 4 di coppia a Bled 2011) e Paonessa (sesto nel 4 senza a Lake Karapiro 2010), alla prima finale in una specialità olimpica. Nel momento cruciale di ogni sfida, il discorso vale in parte anche per il quattro di coppia femminile, è mancato l’acuto e quell’azione propositiva che ha permesso, invece, ai nostri avversari di fare la differenza.  Continua a leggere Amar-Italia: doppio PL e quattro senza ai piedi del podio

Chungju: Caselli superstar, quadruplo rosa in finale e l’amarezza di Raineri

Fabrizio Caselli è in finale al Mondiale in singolo
Fabrizio Caselli è in finale al Mondiale in singolo

E’ finale per il singolista Para-Rowing Fabrizio Caselli e per il quattro di coppia femminile (Sara Magnaghi, Giada Colombo, Laura Schiavone, Gaia Palma). Pronto riscatto per il quattro di coppia maschile (Gabriele Cagna, Simone Venier, Domenico Montrone, Luca Rambaldi), vincitore del recupero e promosso in semifinale assieme a un tonico due senza femminile (Beatrice Arcangiolini, Gaia Marzari). Eliminata la singolista leggera Denise Zacco. Ecco, quindi, il punto della situazione: 9 barche olimpiche in semifinale (6 maschili e 3 femminili), 9 barche già in finale (tre barche olimpiche: 1 femminile, 2 para-rowing. 6 barche non olimpiche: 4 maschili e 2 femminili).  Continua a leggere Chungju: Caselli superstar, quadruplo rosa in finale e l’amarezza di Raineri

Chungju: buon quattro senza PL, doppio-scacchi e otto alla moviola

Il quattro senza PL soddisfa positivamente la nostra curiosità
Il quattro senza PL soddisfa positivamente la nostra curiosità

Il quattro senza Pesi Leggeri è la più bella nota della musica della seconda giornata dei Mondiali ed è una delle tre barche a staccare oggi il biglietto per la semifinale insieme ai due doppi. A Chungju, sale così a sette il numero delle barche olimpiche semifinaliste mentre è deludente l’esordio dei due otto, mai competitivi nel corso delle loro batterie. Sette, in totale, gli equipaggi ai recuperi. Due vittorie (due senza e quattro di coppia PL maschile) ed un secondo posto (quattro di coppia PL femminile) vogliono dire la presenza di sette barche azzurre in finale  dove, senza aver ancora gareggiato, stazionano già il due con, il quattro senza femminile, il quattro con Para-Rowing e l’otto leggero maschile. Nel Para-Rowing, settore scottato ieri dalla mancata classificazione del doppio LTA Grassi-Stefanoni, Fabrizio Caselli chiude oggi soltanto quarto, dietro l’australiano Horrie (finalista), l’ucraino Bondar ed il coreano Park. Domani il singolista fiorentino avrà la sua chance per l’ingresso in finale.  Continua a leggere Chungju: buon quattro senza PL, doppio-scacchi e otto alla moviola