Archivi categoria: Storie

Fay Ho: un esempio da seguire

Paola Grizzetti e Fay Ho (foto Bof)

L’elezione di Kim Fay Ho a Segretario Generale del Comitato Olimpico di Hong Kong è una buona notizia per il Canottaggio. Fay, 56 anni, è attualmente responsabile della Commissione Para-Rowing, di cui fa parte anche Paola Grizzetti.  Nel suo curriculum da atleta, spicca la partecipazione in singolo alle Olimpiadi di Barcellona 1992 e, complessivamente, a 6 Mondiali tra Tasmania 1990 e Glasgow 1996.  Continua a leggere Fay Ho: un esempio da seguire

Annunci

Il Canottaggio e la mia ultima sigaretta


Un ottimo modo per addomesticare la tensione, una via per riflettere e studiare la prossima mossa, un attimo di relax. Undici stagioni intere di sigarette, una rete in cui caddi tra il 2006 e il 2007 nonostante 22-23 anni di repulsione proprio perché si trattava di un vizio di famiglia. Tutto quel fumo passivo mi aveva irritato prima che nuociuto. Continua a leggere Il Canottaggio e la mia ultima sigaretta

“Quando remo dimentico di esser non vedente”

Cambridgeshire, contea dell’Inghilterra orientale. Una donna cieca racconta come la sua vita sta cambiando grazie al canottaggio sconfiggendo un terribile nemico: la claustrofobia.

Kathryn Lindgren, 51 anni, sviluppa la fobia di rimanere casa dopo una scoperta shock. I suoi occhi si stanno ulteriormente deteriorando.

Kathryn inizia a superare le sue paure dopo aver appreso l’esistenza di uno sport acquatico, a stretto contatto con la natura: il Canottaggio.

Ecco il suo pensiero: “Quando sono in barca dimentico di esser non vedente perché posso ascoltare quello che succede intorno a me: la natura, l’acqua, il tempo”. Ancora. “Sì, è una sfida, ma la sensazione di soddisfazione e contentezza di essere in grado di fare qualcosa alla pari delle persone vedenti è incredibile” .

Kathryn rema con il Peterborough City Rowing Club da maggio 2017, la segue coach Peter Forrest. Il Canottaggio scoperto in una delle rarissime passeggiate assieme alla figlia lungo il fiume.
Mentre è in acqua, Kathryn comunica con il suo allenatore utilizzando cuffie Bluetooth con tecnologia di conduzione ossea. I suoni vibrano attraverso gli zigomi per poter ascoltare le istruzioni del suo allenatore. Le orecchie sono libere per sentire cosa sta succedendo intorno. Forrest dichiara: “È un vero privilegio allenare Kate; nonostante la sua perdita di vista, è un’ispirazione per tutti intorno a lei”

 

Riparte la gara di canottaggio più dura al mondo

E’ partita oggi la nuova edizione della Talisker Whisky Atlantic Challenge, la gara di canottaggio più dura al mondo.23 equipaggi e 5 vogatori in solitaria provenienti da 12 paesi sono partiti da La Gomera, nelle isole Canarie, alla volta di Antigua, su una rotta di oltre 3.000 miglia in mezzo all’Oceano che cambierà per sempre le loro vite, mettendoli a dura prova nel superare i propri limiti e vincere la forza degli elementi. Continua a leggere Riparte la gara di canottaggio più dura al mondo

Più Parigi 2024 che Tokyo 2020 per mamma Helen

Helen Glover

Tokyo si, Tokyo no… Helen Glover sfoglia la margherita per capire se ha senso oppure no partecipare alle prossime Olimpiadi. British Rowing necessita del suo supporto per costruire un 2 senza di spessore elevato ma le priorità della campionessa potrebbero essere cambiate da quando è diventata mamma per la prima volta.   Continua a leggere Più Parigi 2024 che Tokyo 2020 per mamma Helen