Bufera Premi. Chi ha ragione?

In medio stat virtus, già, ma la ragione nel duello tra due contendenti dove sta? 

Vien spontaneo chiederselo dopo aver appreso ieri di una sfuriata presidenziale andata in scena “alle cinque della tarda” a Sabaudia davanti a una trentina di Atleti del gruppo olimpico.
Molti di loro ricordano una precisa promessa di Giuseppe Abbagnale fatta a inizio stagione in riferimento alla sostanziale crescita dell’iniziale montepremi. Cinquantamila euro… Ma a fine novembre, alla conclusione di una stagione ricca di motivi di soddisfazione per il Canottaggio azzurro, si scopre che l’aumento c’è ma è pari a meno di un terzo di quanto, in primavera, proclamato. Quindicimila euro.
Dove sta la ragione? Da un lato gli Atleti rimembrano parole che tra gentiluomini e gentildonne hanno, o almeno dovrebbero avere, il peso di macigni. Restano valide anche a distanza di sette-otto mesi, non volano.  Dall’altro Abbagnale a rispondere, più di sciabola che di fioretto. Aumento? Si, ma con riferimento anche alle categorie giovanili, non solo assolute. Ben diverso, sicuramente, ma come è possibile che così tante persone abbiano frainteso o male interpretato?
Michelangelo Crispi

Tra i due fuochi, il consigliere federale addetto alla squadra olimpica con cui vive a stretto contatto da due anni. Lo scambio di vedute tra il Presidente e Michelangelo Crispi viene così riportato alle mie orecchie, con Abbagnale ad accusare Crispi di esser diventato “il sindacalista degli Atleti” e quest’ultimo a dire apertamente di non condividere la linea presidenziale sulla questione premi e di esser determinato, in occasione della prossima riunione di Consiglio Federale, a rimetter la delega. Tuoni, fulmini, saette.

Naturalmente non si può, in questa fase caotica, non richiamare la nostra stella polare, il  programma Abbagnale: il Progetto Azzurro, con il punto “Riparametrazione e netto incremento dei premi Maglia Azzurra”. Punto determinante per fare il pieno di voti della categoria, vincere le elezioni 6 anni fa e salire al potere.
Fate un giro per Sabaudia in questi giorni per sapere se l’impegno preso 6 e rinnovato ancora 2 anni  fa viene correttamente rispettato, se c’è corrispondenza tra proclami e fatti. Parlate con Dirigenti (presenti ieri anche il vicepresidente Andrea Vitale e il consigliere Dario Crozzoli) con gli Atleti e poi diteci se siete d’accordo con Abbagnale o se la pensate come Shirley Mclaine. “È inutile fare affidamento o credere alle promesse di una persona quando è innamorata, ubriaca, o concorre per una carica”.
Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...