Anatomia di un Canottiere: Damir Martin

Si può perdere un’Olimpiade per soli 5 millesimi di secondo. Ce lo insegna il croato Damir Martin, sconfitto a Rio de Janeiro dal neozelandese Mahe Drysdale al termine della finale a 5 cerchi più combattuta di sempre. Lunghi, lunghissimi secondi di attesa prima del verdetto atteso da entrambi i contendenti con un’insolita calma olimpica ma poi è il volto di Mahe a trasformarsi nel ritratto della gioia misto godimento.

“Una gara perfetta dall’inizio alla fine, non ho nulla da rimproverarmi”. Damir il gladiatore. Le sue qualità, per certi versi mostruose, di forza e resistenza non passano inosservate. Vi proponiamo questo Video di 13 minuti, con sottotitoli in Italiano, in cui si parla dei test a cui Martin si sottopone nell’anno post olimpico. L’obiettivo è crescere e arrivare a quell’oro olimpico sfuggito d’un niente. A Tokyo per la prova d’appello.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...