Henley: il miglior doppio azzurro è leggero. Avanti anche Lodo e Vicino

Pietro Ruta e Stefano Oppo. Leggero il cuore azzurro sia a Henley.  I quarti di finale  della Double Sculls Challenge Cup propongono il derby tra i due doppi dell’Italia: quello “light”, ieri largamente vincente negli ottavi con 22 secondi di margine sui malcapitati inglesi Mackworth e Praed. E.J. Barton, e quello “pesante”.  La buona partenza di Luca Rambaldi e Filippo Mondelli non spaventa Ruta e Oppo, capaci di farsi recuperare e metter la freccia sui campioni d’Europa. “Easily” è il verdetto del portale della Henley Royal Regatta.  Ecco i magnifici 4: gli azzurri Ruta e Oppo (nella foto del Comitato Organizzatore, che preferiamo alle sfocatissime immagini federali), i campioni mondiali e olimpici Houin e Azou, i neozelandesi Storey e Harris, gli inglesi Woodfine e Bond.

Dal doppio al 2 senza per applaudire il primo, buonissimo, passo della barca di Giuseppe Vicino e Matteo Lodo. Tre imbarcazioni rifilate ai neozelandesi Webster e Kennedy, vittoria comoda comoda in attesa di impegni più probanti.

 

Scrivete la storia!

Gli azzurri a Henley (foto Mimmo Perna)

Senti parlare di Henley e non può non venirti in mente la casa del Canottaggio mondiale. Il fascino della storia del nostro Sport, rinverdito ogni anno a partire dal marzo 1839. Sudore, passione e fatica si intrecciano con il glamour e l’eleganza. E’ con piacere che quest’anno riscontriamo una nutrita partecipazione della Federazione Italiana Canottaggio, con i nostri ragazzi in perfetto abbigliamento Carlo Pignatelli.   Continua a leggere Scrivete la storia!

Nessuna Università italiana agli Europei remieri in Serbia

Ho recentemente indirizzato una proposta al presidente Giuseppe Abbagnale, tramite la sua pagina Facebook, in merito al pugno duro da utilizzare contro i bestemmiatori. Qualche giorno fa, allo stesso modo, gli ho posto una domanda. “Ci aggiorni cortesemente sull’operato della Commissione nata un anno per trovare soluzioni per contrastare l’abbandono giovanile?”. Oggi, invece, lo spunto riguarda l’attività della Nazionale universitaria. “Come mai, secondo te, l’Italia non figura tra i 30 paesi che partecipano ai Campionati Europei di Canottaggio per Università?”. 

Alle porte di Lucerna

Selfie del 4 senza sul podio di Lucerna 2015

Tra una decina di giorni, la Nazionale targata Franco Cattaneo farà il suo esordio anche in Coppa del Mondo. Le vittorie del doppio Mondelli-Rambaldi, del 2 senza Lodo-Vicino e del 4 senza in copertina agli Europei, conclusi con la vittoria del medagliere grazie anche all’argento del 4 senza PL e ai bronzi firmati da doppio femminile, doppio PL maschile, 4 di coppia maschile e 2 senza PL maschile. Si volta pagina a Lucerna e si guarda avanti, lungo il cammino di crescita di una Nazionale dall’età media molto bassa.  Continua a leggere Alle porte di Lucerna

Centomila euro da Vodafone per il Para-Rowing italiano

Ricordate  “Call for Ideas” lanciato da Vodafone, disponibile a finanziare “idee e progetti che favoriscano un cambiamento culturale e diano un sostegno concreto ed efficace alla diffusione della pratica sportiva tra persone con disabilità fisiche, sensoriali ed intellettivo-relazionali in Italia”.   Continua a leggere Centomila euro da Vodafone per il Para-Rowing italiano

Più che raddoppiati i Master ai Tricolori

A fronte del calo generale riscontrato all’Idroscalo di Milano per Junior-PL-Senior, comparato con i dati dei Tricolori di 6 anni fa, notiamo una vera e propria esplosione nella categoria Master. Sono sempre di più e vogliono far sentire il loro peso in Federazione. 651 iscritti e 987 atleti/gara. Ricordo bene l’edizione di Mercatale 2012, in quanto presente per una simpatica diretta streaming, una bella trasferta federale purtroppo conclusa con tristezza  perché, mentre rientravo a Genova con l’amico Stefano Ottazzi, ricevetti durante il viaggio da mia madre la notizia dell’improvvisa morte di mio zio. Allora si confrontarono 304 atleti (443 atleti/gara). Numeri, quelli di Sabaudia, più che raddoppiati.  Continua a leggere Più che raddoppiati i Master ai Tricolori

Scelta di buon senso

Me lo ero perso, ma, pur non avendo trattato in precedenza l’argomento, lo affronto  oggi volentieri. L’iniziale decisione dell’area tecnica federale di fissare le selezioni Under 23 domenica 25 giugno, alla vigilia della terza prova degli esami di maturità,  non era stata presa bene dalla maggioranza dei canottieri attesi dalla “gara” al momento più importante della loro vita. Quella scolastica, naturalmente…  Continua a leggere Scelta di buon senso