Boston chiama, la Canottieri Roma risponde

canottaggiomania_roma_bostonHead of the Charles, non è più cifra tonda come nel 2014 ma certamente anche la 51a edizione di questa classicissima americana vede immutato il proprio fascino agli occhi degli appassionati di Canottaggio. Un anno fa il Dream Eight, costruito da Hamish Bond con a bordo anche il nostro Francesco Fossi. Numeri da capogiro con migliaia di vogatori (oltre 700 clubs) entusiasti per la possibilità di compiere le 3 miglia (4.800 metri) che uniscono, nel Massachusetts, Boston (partenza dall’Università) a Cambridge a contatto con luoghi dal forte profumo storico e tecnologico come l’Università di Harvard, la Boston University, la Brandeis University e il Massachusetts Institute of Technology (MIT).

“Se si vuole salire di qualità, bisogna partecipare a manifestazioni di qualità”. Cogliamo al volo le parole di Massimo Iaccarini, Consigliere responsabile del settore Canottaggio del Circolo Canottieri Roma. “Non siamo così competitivi da ambire a risultati importanti, ma siamo consapevoli che la trasferta a Boston servirà a farci crescere e a raggiungere un affiatamento sempre maggiore. Portare costantemente avanti il concetto di squadra”. A certi palcoscenici, naturalmente, il direttore sportivo Bruno Mascarenhas, pronto a rimettersi in gioco dopo 4 anni, è abituato e così sosterrà l’ampia rappresentativa giallorossa. Andrea Manuelli, Giulio Acernese, Pietro Solari, Tito Barenghi, Carlo Marra, Luca Vannuccini, Silvio Ventura, Carlo Minelli (otto youth);Maria Sigillò, Francesca Molinari, Gabriella La Monica, Elisabetta Fuga, Anna Maria Cacciotti, Frances Middendorf, Paola Ciapparoni, Patrizia Borboni (master donne); lo stesso Iaccarini, con Luigi Rimassa, Giorgio Calò, Fabrizio Mannocchi, Emanuele Codacci Pisanelli, Mario Guido, Gualtiero Tramonti, il Direttore Tecnico Bruno Mascarenhas (master uomini); e il timoniere Simone Stanziale.

Oltre ai club, ai giovani delle high school e dei college, partecipano infatti gli atleti della nazionale stelle-e-strisce. Nonché tanti canottieri stranieri che giungono negli States in particolare da Europa e Asia.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...