Via Crucis non olimpica

L'otto Pesi Leggeri all'arrivo (foto Perna)
L’otto Pesi Leggeri all’arrivo (foto Perna)

I peggiori risultati, non di sempre ma comunque da  33 anni a questa parte. Il settore non olimpico, al Mondiale, raccoglie solo quarti posti.  Irriconoscibile Marcello Miani, dodicesimo dopo aver sfiorato l’accesso in finale. Emanuele Liuzzi e Luca Parlato (tim. Andrea Riva) hanno un sussulto d’orgoglio e vincono la finale B. Le ragazze del 4 di coppia Pesi Leggeri, Eleonora Trivella, Nicole Sala, Valentina Rodini e Greta Masserano, chiudono ottave dietro l’Argentina. 
Otto (Piero Sfiligoi, Lorenzo Tedesco, Davide Gerosa, Leone Barbaro, Elia Luini, Vincenzo Serpico, Francesco Schisano, Paolo Di Girolamo, tim. Gianluca Barattolo) e 2 senza Pesi Leggeri (Alin Zaharia, Armando Dell’Aquila) mancano d’un soffio la medaglia. L’Ammiraglia leggera, per metà Under 23, è ammirevole per la sua voglia di vincere, la partenza è davvero molto forte, ma la strategia ammazza-Germania proprio non funziona. Finale in pugno per 1000 metri prima di subire il primo di tre sorpassi. Non solo i tedeschi confermano il titolo iridato, ma anche francesi e statunitensi riescono a superare gli azzurri nelle battute conclusive. Il conto è salatissimo. La fotografia dell’amaro epilogo è tutta nei riscontri cronometrici, 22 centesimi dal bronzo e 41 dall’argento, ma per il futuro, tenendo conto appunto della giovane età di molti, può esser una lezione salutare.

Armando Dell’Aquila e Alin Zaharia viaggiano sicuri per mille metri, staccati solo dalla Gran Bretagna, ma poi cominciano a fare i conti con la Francia. Terzo ai 1500, il nostro 2 senza si lascia divorare un patrimonio di quasi 3 secondi e mezzo dalla Germania arrivando così ai piedi del podio per soli 57 centesimi. Mancano incredibilmente le energie migliori per chiudere ed è davvero un peccato se pensiamo che un mese e mezzo fa Armando e Alin avevano spadroneggiato a Lucerna. Ragazzi, ma che è successo?

Per Giulia Pollini è un Mondiale positivo. In cassaforte l’obiettivo, il pass per la finale, l’atleta della Canottieri Cernobbio termina al quinto posto. Visto quanto fatto dal doppio Pesi Leggeri, ora guardando il sito federale pare si sia ritirato, viene davvero da chiedersi se questa ragazza abbia (o no) goduto della giusta considerazione per un suo eventuale impiego ad Aiguebelette nella barca olimpica.

Una fotocopia, in peggio, di 2 senza e otto è il 4 di coppia Pesi Leggeri. Federico Gherzi, Francesco Pegoraro, Jose Casiraghi e Matteo Mulas non vanno oltre il sesto posto. Otto secondi, cinque dei quali incassati negli ultimi 500 metri, dai francesi sono davvero tanti. Anche qui, nel momento in cui occorre andare all’arrembaggio della barca danese, ci ritiriamo dalla guerra lasciando campo all’avanzata di Gran Bretagna e Usa.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...