Laura non c’è. La Crow favorita nel singolo. Tanti cambi per doppio e 2 senza

Kim Crow
Kim Crow

Stasera ci saranno le batterie del settore ParaRowing, domani prenderanno il via tutte le altre regate. Dopo aver trattato Senior e PL, è il momento di concentrarci sulle nostre Donne. Nuova tegola sul doppio Pesi Leggeri. Laura Milani non è ancora pronta per l’esordio e questa volta, “per il riacutizzarsi di una sindrome influenzale”, è costretta a dare forfait a 48 ore dalle batterie. Chance importante per Giulia Pollini, iscritta originariamente in singolo e ora al fianco di Elisabetta Sancassani.  Al via anche un’altra coppia azzurra, quella formata da Valentina Rodini ed Eleonora Trivella. Ci saranno 22 equipaggi con cui misurarsi. C’è tutto il podio degli ultimi Europei con Gran Bretagna, Germania e Polonia. Addirittura due barche per inglesi e tedesche, alla ricerca della miglior combinazione per i Mondiali. E che dire del Canada, vicecampione mondiale ad Amsterdam? E la Cina vincitrice della prima prova di Coppa del Mondo? In singolo, avremo la giovanissima Federica Cesarini, tesserata per la Canottieri Gavirate e quindi ottima conoscitrice delle acque del lago di Varese. 
Ventiquattro numero perfetto? E’ il numero non soltanto delle barche iscritte nel doppio Pesi Leggeri ma anche nel singolo. Vai Sara Magnaghi e ricordati dell’argento vinto qui circa undici mesi fa in occasione dei Mondiali Under 23. Manca la campionessa olimpica, manca la ceca Knapkova. Come ben sappiamo anche la detentrice del titolo mondiale, la neozelandese Twigg, sta trascorrendo questa stagione in Italia, vogando per la Canottieri Cernobbio, per motivi di studio. E allora le porte sembrano proprio esser spalancate per l’australiana Crow, due anni fa campionessa mondiale. Proverà a contrastarla la danese Erichsen, davanti a lei a Londra 2012 con un’imprevedibile rush finale. Occhio anche alla svizzera Gmelin, medaglia d’argento agli Europei.

Anche Sara Bertolasi e Laura Schiavone avranno il loro bel da fare nel doppio. La Nuova Zelanda, diventata lepre dopo il successo di Amsterdam, vara una nuova formazione con MacFarlane e Zoe Stevenson. “Veniteci a prendere!”. L’invito è pronto a esser raccolto dalla Polonia, capitanata da Fularczyk, e dall’Australia, capace di stabilire il nuovo primato mondiale in semifinale ad Amsterdam. E non ci dimentichiamo, naturalmente della Gran Bretagna e della Germania.

Nel due senza una barca federale, quella composta da Alessandra Patelli e Gaia Palma, e una societaria (Gavirate) con Ilaria Broggini e Veronica Calabrese. Cina al risparmio: dalla sei barche di Bled (cinque dal secondo al sesto porto) alle due di Varese. Anche Stati Uniti in selezione, con Kalmoe e Simmonds favorite ma occhio alla Logan (in gara con la Mueller, scesa dal 4 di coppia) già medagliata anche alle Olimpiadi. Cambiamenti anche nella Nuova Zelanda, medaglia di bronzo nel 2014 ai Mondiali. Le inglesi Glover e Stanning, brave a bagnare il loro esordio con il titolo europeo, partono nettamente con i favori del pronostico. Per l’Italia anche un giovane 4 senza con Sara Barderi, Silvia Terrazzi, Beatrice Arcangiolini e Chiara Ondoli. 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...