Che bel 4 di coppia! Goretti-Oppo e Lodo-Vicino, è filotto!

canottaggiomania_4dicoppia_TrioUltimi chilometri, i più lunghi e faticosi, di questa Maratona. Si conclude la Trio2016, ne rifletteremo insieme, ad alta voce, in settimana, settore per settore, e adesso, con colpevole ritardo, diamo un’occhiata a questi risultati domenicali. 

Il quattro di coppia ammalia perché continua a vincere. Simone Venier ha qualche problemino, recuperabile in breve tempo, ma l’attuale formazione, quindi Agamennoni, Paonessa, Rambaldi e Perino, non solo fa rigar diritto tutti gli avversari (in prima battuta Mumolo, Fossi, Battisti e Cardaioli), ma pure l’handicap. Pesi Leggeri a oltre 15 secondi (6 scontato l’handicap). Insomma, tre indizi (2 Trio e Memorial) fanno certamente una prova e star sereni in vista delle qualificazioni olimpiche. Dal 4 di coppia al 2 di coppia. Qui l’odierno e strenuo testa a testa tra leggeri (Ruta-Micheletti) e pesanti (Fossi-Battisti) vede i secondi stabilire il miglior tempo ma i 99 centesimi sono quasi un’inezia a confronto dei 6 secondi di svantaggio, voluti dalla direzione tecnica. Pietro e Andrea sono stimolati a dovere da Marcello Miani, anche oggi assoluto protagonista nel singolo (2”89 a Ruta). Francesco e Romano procedono più lentamente l’avvicinamento al top della forma. Terzo e quarto in singolo, qui dove Francesco Cardaioli, sempre affamato e sempre vincente, pare durerà molto a lungo.  Ci prova venerdì, ci riesce domenica: ecco spiegata, con la tenacia, la piazza d’onore di Paolo Perino, a sette secondi dal Carda.
canottaggiomania_2senzaPL_TrioVia con la punta. Matteo Lodo e Giuseppe Vicino: gli uomini del filotto in 2 senza. Si trovano di fronte una coppia nuova: non Marco Di Costanzo, ma Domenico Montrone assieme a Matteo Castaldo. Il finale è più soft: 5 secondi. Volano anche i leggeri Martino Goretti e Stefano Oppo: anche per loro è carton plein, ancor di più perché dopo aver dominato, come venerdì, il 2 senza (10 secondi a Dell’Aquila-Tedesco, assieme a Livio La Padula e Alberto Di Seyssel firmano pure il 4 senza. Lodo e Vicino, con Abbagnale e Abagnale, colmano poco più di un secondo e mezzo dei sei di handicap. Dell’Ammiraglia, vinta dai primi tre 2 senza più Liuzzi e Ciccarelli (tim. Riva), c’è da dire che gli Under 23 battono i ragazzi del Progetto Otto. Sono 14 i secondi incassati dai vincitori della regata.

Il 4 di coppia femminile, quello composto dall’inavvicinabile singolista Sara Magnaghi (oggi + 14 su Sara Bertolasi e + 17 su Laura Schiavone), dalle doppiste Sara Bertolasi e Laura Schiavone e da Benedetta Bellio, riesce a superare le leggere Valentina Rodini, Bianca Laura Pelloni, Federica Cesarini e Greta Masserano. Bene, più veloci di quasi 8 secondi e quindi con l’annullamento totale dell’handicap. Undici secondi da recuperare, però, sono troppi per Bertolasi e Schiavone nel doppio: ne gioiscono, quindi, Rodini e Sancassani (prime), ma anche Zacco e Trivella (seconde).  Betta vendica la sconfitta di venerdì. Questa volta Giulia Pollini e Federica Cesarini devono accontentarsi delle posizioni di rincalzo, pur se non lontanissime.  Broggini e Calabrese non si presentano in partenza nel 2 senza, così a vincere oggi sono Alessandra Patelli e Beatrice Arcangiolini. 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...