Leader giusto o Re ingrato?

canottaggiomania_Scifoni_Abbagnale_2Non uno, come inizialmente comunicato, ma due i rappresentanti della Federazione Italiana Canottaggio alla conferenza FISA di Londra dove, oggi e domani, vengono illustrati i progetti strategici e le sfide del futuro assieme agli aggiornamenti del Movimento Olimpico.  Giuseppe Abbagnale sarà assente a quest’incontro dove parteciperanno dirigenti e tecnici in arrivo da tutto il mondo. 
La scelta del sostituto, però, non ricade, come vorrebbe lo Statuto, sul suo Vicepresidente Vicario, ovvero su colui che, in caso di impedimento del Presidente, lo coadiuva nell’esercizio delle sue funzioni. No, in un Consiglio Federale dove nessuno ha deleghe ma tutti hanno (più di una) linee di indirizzo da seguire, le cose vanno molto diversamente.

Abbagnale non pensa a Marcello Scifoni, il suo Vicario appunto, per rappresentare le esigenze e le proposte dell’Italia nell’importante congresso internazionale. A Londra meglio mandare l’altro Vicepresidente, Davide Tizzano, assieme a un Consigliere: Mario Italiano. Scavalcando così il dirigente romano, fondamentale alleato nel 2012 nella corsa alla successione di Enrico Gandola, non una ma ben due volte.

L’unica giustificazione per questa originale scelta istituzionale è che, in sua assenza, i suoi rappresentanti il Presidente li abbia individuati attraverso un sorteggio. Sappiamo, però, che non è così e possiamo certamente immaginare l’ennesimo calice amaro mandato giù da chi, due anni e mezzo fa, signorilmente gli lasciò il posto di attore protagonista nella costruzione di una nuova squadra di governo federale e, soprattutto, gli portò molti voti necessari alla sua elezione.

La conferenza di Londra poteva essere l’occasione giusta per mettere a tacere le voci di chi, in giro per l’Italia, parla di Federazione “Napolicentrica”. Invece, come già accaduto in occasione dell’Assemblea di Roma dove Abbagnale ha più volte e in più punti elogiato l’iniziativa “Casa Rowing” (ideatore Davide Tizzano) dimenticandosi (nemmeno una parola!) completamente i Centri Federali Periferici (ideatore Marcello Scifoni), siamo ancora qui a parlare, almeno, di mancanza di riconoscenza e, vista anche il ruolo istituzionale di Scifoni, di rispetto.  E’ da questi particolari, purtroppo, che si valuta la differenza tra un Leader giusto e un Re ingrato.

Foto Mimmo Perna

Annunci

5 pensieri riguardo “Leader giusto o Re ingrato?”

  1. Si ma…. Mario italiano, rappresentante master, che c’azzecca a Londra???? in teoria non dovrebbe andare qualcuno dello staff tecnico??

    1. … forse è l’unico che sa parlare una lingua straniera dei non atleti? … beh dai, è solo una battuta!

  2. Linguacce!!! Io invece immagino che ci fossero impegni più importanti per il vice presidente Scifoni. Per esempio, Il presidente Abbagnale non ha preso parte alla Conferenza FISA di Londra, dove si discutono i futuri assetti del remo mondiale, perché impegnato in cose più importanti. Infatti era a Orta San Giulio per il Memorial Villa…

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...