Promossa l’Italia universitaria. Tre medaglie a Gravelines.

Federico Garibaldi e Davide Mumolo
Federico Garibaldi e Davide Mumolo

Tre medaglie, come all’Universiade di Kazan. Manca sempre l’oro, quel più alto gradino del podio che ci sfugge dal 2012, ma questa volta c’è un argento in più. L’Italia del caposettore Paolo Dinardo lascia Gravelines senza alcun rimpianto. Il bottino dei Mondiali Universitari, con 10 atleti medagliati sui 26  presentati in Francia, è comunque soddisfacente. 

Bravi Davide Mumolo e Federico Garibaldi. La coppia ligure è seconda soltanto alla Polonia grazie a un buon passo che permette loro di rimontare Estonia ed Olanda.  Esaltante, seguita in diretta streaming, la prova del quattro senza Pesi Leggeri. Francia rullo compressore, ma l’Italia ha grande forza di nervi e mostra freddezza nel rush conclusivo. Il neoventenne Stefano Oppo, il pragmatico Corrado Regalbuto, il silenzioso Marcello Nicoletti e la new entry Piero Sfiligoi imitano Fossi e Battisti nel finale thrilling. Argento, 11 centesimi alla Repubblica e 12 alla Gran Bretagna. Terzo posto, invece, per Elia Salani, Simone Ferrarese, Davide Babboni e Nicholas Brezzi nel quattro senza. Se la Polonia è leader incontrastata, il Canada non è così distante (un secondo e otto decimi). Che sensazione mettere qui la museruola alla Gran Bretagna…

Le altre due barche finaliste azzurre, il due senza senior maschile, di Mario Cuomo e Fabio Vigliarolo, ed il quattro senza senior femminile, di Ludovica Lucidi, Irene Vannucci, Erika Faggin, Elsa Carparelli sono quinte.

Annunci

1 commento su “Promossa l’Italia universitaria. Tre medaglie a Gravelines.”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...