Riccardi (ASNAC): “Crisi strutturale Canottaggio è specchio del Paese”

canottaggiomania_riccardi_asnacCon piacere, dopo averlo sollecitato, ricevo e pubblico l’intervento dell’amico Davide Riccardi, vogatore fiorentino delle Fiamme Oro e presidente dell’Associazione Nazionale Atleti di Canottaggio (ASNAC). 

Caro Marco,

ti ringrazio per l’attenzione e la passione che dedichi al movimento remiero italiano nonché all’Associazione Nazionale Atleti di Canottaggio – ASNAC.

I risultati sotto le aspettative avuti dagli atleti Azzurri durante gli scorsi Campionati del Mondo dimostrano quanto il canottaggio, come tutto lo sport italiano, stia attraversando una crisi strutturale che rispecchia il difficile momento socio-economico dell’intero sistema Paese. In merito di ciò, l’ASNAC non si è ancora espressa in maniera ufficiale perché, come organo collegiale, sta provvedendo a raccogliere le proposte e gli umori tra gli atleti al fine di incidere costruttivamente e con voce univoca nei confronti dei vertici federali attraverso i propri rappresentanti in quota atleti nel Consiglio Federale e nella Commissione Atleti.

Il prossimo autunno sarà, inoltre, un momento estremamente importante per l’Associazione Atleti perchè ci sarà il rinnovo del Direttivo che garantirà un ricambio e una “rappresentanza autentica” di canottieri che vivono la quotidianità dei campi di regata e dei raduni collegiali con la Squadra Azzurra (verrà garantita altresì la rappresentanza Adaptive, U23/Junior e Master). Proprio per questo siamo fiduciosi che l’organizzazione della nostra Associazione di categoria sia un canale autorevole col quale la Federazione possa ottenere un confronto critico ma costruttivo finalizzato al raggiungimento degli obbiettivi del quadriennio sportivo.

Per quanto riguarda l’aspetto promozionale, l’Associazione Nazionale Atleti di Canottaggio continua e proseguirà ad essere collettore per l’intero “movimento atleti”. Lo scorso 9 settembre l’ASNAC è stata vicina, anche con la partecipazione del Vicepresidente Daniele Gilardoni,  al tenace vogatore Mauro Martelli che ha organizzato con successo il nuovo “World Indoor Record sulle 24 ore” al fine di raccogliere fondi per la ricerca contro il cancro (https://canottaggiomania.com/2014/09/09/24-ore-da-record/).

Dott. Davide Riccardi
Presidente Associazione Nazionale Atleti di Canottaggio
www.asnac.org

Annunci

3 pensieri riguardo “Riccardi (ASNAC): “Crisi strutturale Canottaggio è specchio del Paese””

  1. Sono convinto delle giuste considerazioni del Presidente ASNAC. Egli ha una visione abbastanza chiara sulla situazione del canottaggio azzurro. Non credo che il suo giudizio si possa estendere all’intero movimento sportivo italiano, Altre discipline, pur vivendo la difficile situazione economica del nostro Paese, hanno ottenuto brillanti risultati come ad esempio il nuoto azzurro.

  2. Confesso che non capisco cosa c’entri il “difficile momento socio-economico dell’intero sistema Paese” con l’ormai palese errore di programmazione della nostra annata remiera.
    Mi sembra che i nostri atleti siano stati in raduno circa il 65/70 % dell’intera stagione, quindi non dovrebbero aver patito la mancanza di allenamento, e la maggior parte di loro, a onor del vero però solo i maschi, proviene dai gruppi sportivi militari, quindi ha uno stipendio e un futuro che circa il 40% dei loro coetanei – almeno stando a sentire le statistiche nazionali – può solo sognare.
    E credo che anche i tecnici al seguito delle squadre nazionali siano stati – giustamente – retribuiti.
    Quindi evitiamo di tirare in ballo motivazioni di carattere sociale, almeno per le squadre nazionali senior e P.L., e abbiamo il coraggio di analizzare in modo diverso la situazione.

  3. Franco Parnigotto sottolinea giustamente come Riccardi non possa lamentarsi per i risultati di Amsterdam 2014 deludenti per ciascuno di noi. E’ vero che i nostri atleti hanno svolto radubi e allenamenti secondo le indicazioni dei Tecnici guidati dal dr La Mura ed è altrettanto vero che il movimento sportivo italiano sta attraversando una crisi strutturale che sembra abbia colpito solo la nostra Federazione. Infatti il nuoto azzurro è riuscito a non essere colpito dalla “c.d. crisi” e ne fanno fede i recenti risultati di eccellenza.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...