Parole di circostanza, ora il canottaggio italiano aspetta i fatti

canottaggiomania_progettoazzurro_abbagnale“Nel concludere mi assumo, come ho sempre fatto nella mia vita sportiva e professionale, la piena responsabilità di tutto quello che è avvenuto in questo mondiale”. Giuseppe Abbagnale, nel suo intervento post Mondiale, non ci smentisce. Quel che per noi è un fallimento, secondo il suo modo di vedere si chiama “moderata insoddisfazione” ma la persona a cui ricollegare i fatti di Amsterdam 2014 resta, d’accordo entrambi, il nostro Presidente. E’ un passo avanti, però non basta. 
Non basta perché, per tutto il resto, ci dice cose che naturalmente immaginavamo o sapevamo già. Che questo sia stato “un Mondiale al di sotto delle aspettative” in cui “gli atleti meritavano di ottenere i giusti risultati per il lavoro che hanno sviluppato durante tutto l’anno”  è noto anche a tutte le Società italiane che in questi Atleti ed Atlete, quelli che abbiamo visto in azione ad Amsterdam,  investono tempo, passione e risorse. Ma anche semplicemente  i sostenitori della Nazionale e tutti avrebbero gradito conoscere una sua decisamente più approfondita visione dei fatti accaduti in questa settimana. La necessità di un’analisi nelle sedi opportune per porre “correttivi decisi e immediati” rappresenta una presa di coscienza ma, anche qui, niente di straordinario perché di solito si fa così quando qualcosa non funziona..  Noi, comunque, non pensiamo che accadrà alcun tipo di stravolgimento. Tutto al più, forse, salterà qualche collaboratore  dei capi-settore nel perfetto stile italiano “Cambiamo qualcosa affinché nulla cambi” .

Il DT sarebbe caduto solo in caso di dimissioni al piano di sopra. Chiaro. Normale, perché questo  è l’unico sistema ben conosciuto dal nostro Presidente che negli ultimi otto anni poco, evidentemente, ha compreso di quanto accadeva nel panorama internazionale. La Mura rimane, ce lo conferma Abbagnale anche se poi sarà chiamato il Consiglio Federale a rinnovare la fiducia. Resta da chiedersi, dal suo intervento sembra proprio di no, se il Presidente parlerà con gli Atleti per avere anche da loro elementi importanti per inquadrare pienamente la situazione.

Si parla di un DT più presente  e ciò porterebbe inevitabilmente quindi a un ridimensionamento della figura del Coordinatore, quel Franco Cattaneo capace domenica di vincere la sua terza, pesantissima, medaglia iridata consecutiva con il doppio di Fossi e Battisti. Ma La Mura se la sentirà di tornare a fare il Direttore Tecnico “vecchia maniera”, giornalmente presente a Piediluco in occasione dei raduni, oppure no? Per il futuro occorre capire anche questo. Amsterdam, infatti, ci offre la dimostrazione di come non abbia funzionato, quest’anno, la soluzione dell’uomo di Pompei “gran consigliere” (fonte Gazzetta dello Sport) e Cattaneo  nelle vesti di Coordinatore di tutti i settori. In molti dicono, inoltre, che il sistema La Mura funziona solo in presenza di La Mura e quindi…

Ma, in fondo in fondo, sarebbe anche auspicabile capire verso quali obiettivi ci stiamo muovendo. Abbagnale, ancora una volta, non ce lo dice. Il suo Progetto Azzurro è sempre più un concentrato di slogan. Parlare di “Qualificare il maggior numero di barche possibili” e “Risultato olimpico più alto possibile” non aiuta nessuno a capire dove lui immagina, o immaginava ai tempi della sua candidatura, ricollocare l’Italia dopo Londra 2012. Non dichiarare il numero di barche ed il numero di medaglie per cui si lavora in funzione di Rio de Janeiro, non dare all’opinione pubblica un metro di valutazione, la dice lunga sulla consistenza di questa programmazione dove la chiarezza sembra esser stata chiusa a chiave nel più segreto dei cassetti.

Annunci

5 pensieri riguardo “Parole di circostanza, ora il canottaggio italiano aspetta i fatti”

  1. Sulla stampa (Gazzetta) e da più parti è apparso l’invito a lasciare tutta la responsabilità a La Mura, come ai vecchi tempi.
    Ma La Mura, nominato DT, ha accettato il ruolo e tutti gli oneri conseguenti. Ha scelto gli uomini che riteneva giusto scegliere, ha seguito e firmato tutto il lavoro tecnico dello staff. Ha preso decisioni e rilasciato dichiarazioni alla stampa. Tocca a lui decidere le modalità di tutto.
    Chiedere che gli venga data tutta la responsabilità non è offensivo verso di lui? Equivale a sostenere che non è in grado di controllare l’operato dei suoi collaboratori. Mi pare poco simpatico sia nei suoi confronti, che in quelli dei tecnici che lo seguono.
    Ma davvero qualcuno crede che sia questo il problema? E se davvero fosse così (e non lo credo), cioè se il DT non fosse in grado di controllare il suo staff (non voglio nemmeno pensarlo), la soluzione sarebbe di dargli “tutta la responsabilità?
    Ripeto, mi sembra persino offensivo nei suoi confronti…

  2. Malagò ha preteso questa Dirigenza!!!
    Ora è solo lui che deve agire!
    Sempre che ne abbia veramente vogliaa e la possibilità!!!
    Che brutta cosa la politica nello Sport!!

  3. Credo che le delusioni di Amsterdam 2014 devono far riflettere non solo al Presidente Abbagnale ma a tutto lo staff tecnico che ha affiancato La Mura in tutte le sue importanti decisioni. Forse un pò meno presunzione ed umilyà avrebbe giovato a tutti.
    Marcello Pesce

  4. E Carlo Mornati come la pensa? I risultati di Amsterdam 2014 lo hanno soddisfatto? Anche in virtù del suo ruolo nell’ambito della Preparazione Olmipica CONI? A suo tempo fu uno degli artefici della sconfitta di Enrico Gandola e del DT De Capua. Con l’avvento di Giuseppe Abbagnale e del dr La Mura..
    IIndipendentemente dai personaggi remieri che affollanp la nostra Italia auguro agli atleti azzurri le maggiori affermazioni che essi meritano in virtù dei sacrifici che si sono liberamente imposti.
    Marcello Pesce

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...