Guida ad Amsterdam: il due senza

L'Italia di Castaldo e Di Costanzo
L’Italia di Castaldo e Di Costanzo

Secondo capitolo della presentazione Mondiale. I fari sono puntati sul due senza e, naturalmente, non possiamo non partire dai marziani. I neozelandesi Eric Murray e Hamish Bond sono imbattuti dal 2009, hanno messo in fila ben 18 successi (50 gare tra batterie, semifinali e finali) in questa specialità e per Amsterdam vogliono raddoppiare. Per tale ragione, infatti, si sono anche iscritti nella specialità del 2 con sicuri di poter fare, di questo Mondiale, carne di porco. Curiosità. Dieci anni fa, nella stagione di Atene 2004, Bond concludeva il Mondiale Junior di Banyoles all’ottavo posto nell’otto Junior, 15 centesimi più veloce in finale B della barca azzurra con capovoga Chicco Migliaccio ed a bordo Fossi e Battisti. L’anno prima invece, sui 1000 metri ad Atene, Bond era capovoga dell’Ammiraglia kiwi: riuscì a entrare in finale ma non andò oltre il sesto posto, con l’Italia, capovoga Davide Riccardi, quarta. In contemporanea ai primi, scomposti, battiti d’ala di Bond, Murray chiudeva l’Olimpiade di Atene 2004 al quinto posto, staccato di cinque secondi dai bronzei azzurri Dentale, Agamennoni, Porzio e Leonardo. Scusate la divagazione…  Continua a leggere Guida ad Amsterdam: il due senza

Annunci