Varese, servici il Settebello!

Il Presidente Abbagnale sfida a carte Cesare Gabbia e suo figlio Vincenzo. Con lui, Marco Di Costanzo
Il Presidente Abbagnale sfida a carte suo figlio Enzo e Cesare Gabbia. Con lui, Marco Di Costanzo. Vinceranno Enzo e Cesare…

Ventuno equipaggi azzurri ai Mondiali Under 23 di Varese. Giuseppe  La Mura (clicca qui) non si nasconde  nel corso della presentazione milanese e parla molto chiaramente. “Squadra con tante potenzialità, possiamo mettere in finale due terzi delle barche iscritte. Quindi 14. La statistica ci dice che su 14 equipaggi finalisti ci toccherebbero almeno 7 medaglie”. Per logica coerenza, avendone criticato le scarse (a nostro avviso) aspettative lucernesi, ci complimentiamo con il DT per il coraggio nell’esprimere un auspicio in un Mondiale casalingo, quindi caratterizzato da maggiori pressioni: quelle ambientali, trasformabili naturalmente in vantaggio se consideriamo calore ed entusiasmo che avvolgeranno vogatori e vogatrici azzurre nel corso delle prossime giornate. 
Vero è che la nostra Federazione, attraverso la bella iniziativa Casa Italia, sta dimostrando il suo massimo sostegno ed interesse sia al Comitato Organizzatore sia alla squadra. Attenzioni importanti al tema dei giovani e dei grandi eventi internazionali varesini, confermate dalla presenza, da venerdì scorso, del nostro Presidente Giuseppe Abbagnale (anche alle prese con le carte, ma ci dicono con risultati non all’altezza della fama da canottiere…) , del suo vice Davide Tizzano e del Direttore Generale Maurizio Leone. “Almeno sette medaglie”: un bottino che non raggiungiamo dal 2005 quando, con 11 barche in finale, ad Amsterdam arrivarono quattro ori, tre argenti ed un bronzo. Otto medaglie. Poi 6 (8 finaliste) nel 2006, 6 (9 finaliste) nel 2007, 6 (8 finaliste) nel 2008, 5 (8 finaliste) nel 2009, 4 (8 finaliste) nel 2010, 4 (9 finaliste) nel 2011, 6 (7 finaliste) nel 2012, 6 (10 finaliste) nel 2013. Lo diciamo senza guardare la casella Ori, come osserva il DT in quanto è difficile fare previsione dei vincitori.

Quindi raggiungere il  7 su 14 sarebbe già un bel passo in avanti anche rispetto all’anno scorso  dove presentammo una squadra quasi completa (mancavano due senza maschile ed otto femminile). Guardando il panorama dei competitors, testa sempre alla Germania: quattro ori, come noi e la Romania,  a Linz 2013 ma anche due argenti e cinque bronzi. Insomma, Varese sarà una grande festa, non solo sportiva grazie al fitto programma di eventi collaterali, ma nessuno di noi distrarrà l’attenzione dai risultati. Anche perché il folto pubblico e, soprattutto, l’operoso COL varesino meritano di veder ricambiato il loro impegno a terra con una grande prestazione azzurra in acqua. Un Settebello, che in un’eventuale nuova sfida a carte, come vantaggio ed auspicio, faremo in modo di recapitare nelle manone del Presidente… Anche se lui ci direbbe che “chi ha buone carte non ha bisogno di barare”. 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...