Dove ci stai portando?

canottaggiomania_lucerna_lamuraTorna a parlare, dopo un lungo silenzio, il DT (clicca qui) e dice di avere le idee più chiare rispetto al 2013. Sarà senz’altro così ma allora, per favore, le illustri al Canottaggio italiano. Dal suo intervento post Lucerna, si percepisce un La Mura low profile. Lo è stato, a onor del vero, nei momenti in cui CanottaggioMania ne tesseva le lodi per l’ottimo lavoro svolto insieme ai suoi collaboratori, nella passata stagione, nell’ottica di ben inserire tanti giovani nel circuito mondiale e di motivare un ambiente depresso a causa della grande delusione dell’Olimpiade. Non lo dimentichiamo, naturalmente, ma è proprio adesso, in una situazione di oggettiva difficoltà generale, che si sente il bisogno di un intervento forte da parte del leader. E non c’è dubbio, visto che oggi Franco Cattaneo si è limitato a parlare della situazione della Coppia Senior maschile, che il leader è proprio lui. E invece…
Invece La Mura si preoccupa del nostro umore (?) e di questioni note anche alle nonne dei canottieri come il fatto che “se l’anno post olimpico è stato relativamente facile, più ci avviciniamo ai momenti clou del quadriennio, e cioè le Qualificazioni e le Olimpiadi, e più tutto diventa maggiormente complesso”. 

Verso Rio “il lavoro da fare sarà importante”, quindi l’impegno di chi deve applicare il programma dovrà ancora aumentare ma in direzione di cosa? Ma perché se La Mura considera l’Italia una delle nazioni forti  non fa come i suoi colleghi che a inizio quadriennio dichiarano il loro obiettivo per le Olimpiadi? Che senso ha parlare di “buon mondiale” e “positiva qualifica olimpica”? Sono parole vuote di ogni significato perché l’interpretazione  è soggettiva. “Buon mondiale” vuol dir tutto o niente. Ma poi, tornando a ieri, preoccupa il fatto che il comportamento della squadra abbia rispecchiato le sue aspettative. Se è realmente così, allora sono veramente modeste. Ma, quindi, quale Italia tra le nazioni forti? Il DT, oggi, pare volare non basso ma addirittura rasoterra.

Qui non si mette in discussione la validità, in termini di attualità, dei suoi studi e sistemi ma La Mura dovrebbe, per esempio, spiegarci perché la Gran Bretagna vale, a Lucerna, 10 volte l’Italia, perché la coppia Senior (maschile ed anche femminile) non entra in finale né agli Europei né in Coppa del Mondo, perché la nostra perla più luccicante (il doppio PL femminile) non solo non vince ma nemmeno sale sul podio, perché quest’anno buona parte della nostra squadra continua a incappare in infortuni di ogni tipo, perché quasi tutti i nostri equipaggi non riescono ancora a esser incisivi nello sprint finale.

l compito è difficile e qui non si dimentica che la semina tra il 2005 ed il 2012 ha prodotto un raccolto olimpico pessimo senza far crescere i giovani e favorire quel naturale ricambio generazionale che avviene periodicamente nelle migliori nazioni. D’accordo anche sulla finalizzazione del Progetto Azzurro per Rio de Janeiro, ma almeno ci sia chiarezza su quanto accadrà nelle prossime tappe perché in quest’ambiente, tra l’altro pieno di san Tommaso, nessuno è disposto a concedere una fiducia al buio per un intero quadriennio.

14 pensieri riguardo “Dove ci stai portando?”

  1. Beh!
    E’ già tanto che non abbia detto che è colpa degli atleti che non hanno seguito a dovere i programmi di allenamento.
    Sicuramente le altre nazioni non si stanno allenando con l’obiettivo “intermedio” Amsterdam e non hanno ancora finalizzato i loro programmi a Rio 2016?
    Puntavano solo a vincere a Lucerna per fare un dispetto a noi che invece non sappiamo ancora di preciso cosa faremo da grandi!!!!
    gianni

  2. Procederò ad una breve analisi.
    Si, alcune cose sembrano ovvie ma e meglio dirle. A volte per amor della chiarezza bisogna spiattellare un po’ tutto cosicchè addetti e non addetti riescano a capire che succede.
    Per rimanere in tema bisogna dire che la performance generale della squadra e stata un po’ deludente però come ha detto il tecnico mostra un miglioramento. Cerchiamo di accorgersi di questo. Cerchiamo anche di vedere le ragioni per cui abbiamo avuto delle delusioni.
    Per esempio il 2x femminile PL ha “deluso” ma c’era una ragione per il minore rendimento nei problemi fisici della signora Milani. Cerchiamo di essere obbiettivi. Tra l’altro secondo me i distacchi non sono proibitivi e c’è possibilita di recupero assumendo che le due atlete riescano a mantenersi sane. Ricordiamoci che fino a poco tempo fa abbiamo sempre faticato a presentare un settore femminile competitivo.
    Il 2x PL maschile secondo me ha fatto una bella gara con un livello di competizione più alto. Migliorando dallo scorso anno e mostrato dell’ottimo potenziale. Cerchiamo di non soffermarci solo sul negativo. Non sono tutte rose e fiori e non voglio difendere ad oltranza l’operato del DT, ma dobbiamo cercare di avere una visione lungo termine. Lucerna è importante ma alla fine quello che contano sono le Olimpiadi.
    In quella prospettiva mi preoccupa la prestazione del 4- PL. Io non so tutti e retroscena e come mai di 2 4- non siamo riusciti a farne uno competitivo per la finale quindi mi astengo da esprimere giudizi affrettati, ma mi sembra che ci sia qualcosa che non va li.
    Lo stesso ragionamento va per la coppia assoluta. E logico che la competizione è agguerrita, ma mi sembra che si possa o si debba fare di più li perchè non posso credere che siamo finiti così in basso in così poco tempo.
    Diciamo che prima di farci prendere dal panico diamo ai tecnici la possibilità di fare il loro lavoro. Vediamo che combinano nei prossimi mesi e il prossimo anno. Basiamo i nostri giudizi su i fatti e non sulle supposizioni e speriamo che i nostri tecnici facciano lo stesso.

    1. “basiamo i nostri giudizzi sui fatti”.dunque i fatti ad ora non sono buoni:percio’ i giudizi sono consequenziali.
      anche le altre nazioni finalizzano i loro obbiettivi per Rio 2016,
      e nell’avvicinamento cominciano a vincere,e questo credo che certifichi un buon lavoro.
      forse potrebbe essere utile capire come lavorano alcune nazioni,es.nuova zelanda,gran bretagna,germania.per capire dove stia la differenza.qualcuno ci ha mai pensato?

      1. I metodi di allenamento della NZ a detta degli stessi atleti sono basati basati su quelli del dottor La Mura

  3. Come al solito si spara senza sapere!!!! Mi spiego, è il Direttore con i suoi collaboratori che conosce bene la situazione della squadra. Perchè se non fosse cosi……
    Perchè dovrebbe dire di piu’???
    Parlano gia abbastanza con l’esterno…Ogni caposettore e il D.T., ci forniscono una analisi ad oggi della situazione generale.
    Avere opinioni diverse non è male , ma esaltare solo il negativo è un pò eccessivo.
    Rispetto alla Lucerna 2013, abbiamo un medaglieri scarso, ma abbiamo anche incrementato il numero dei partecipanti. La qualità verrà e credo che ne sia consapevoli che il lavoro deve andare in questa direzione.
    Lasciamo tranquillo l’ambientedi lavorare, poi alla fine del quadrienno si tirano le somme.
    Criticare è facile, poi quando ci si cala nella situazione ci sono mille problemi.
    Si è cambiato gestione perchè non funzionava e adesso, non va bene.
    Nei P.L. c’è un riferimento da prendere, prima quando remavo, non era medaglie Olimpiche , oggi si; è una NOTEVOLE differenza.
    Nei Senior abbiamo gli stessi problemi di ventennio fà. Nelle donne è tutto in crescita come movimento, mi pare che si continui nel mantenere la base larga come è stato fatto in precedenza.

    1. Pasquale non so se ti riferisci a me. Ma mi trovi d’accordo. Bisogna dare ai tecnici il tempo e il modo di lavorare per migliorare la situazione attuale. Il mio criticismo riguardo alla punta PL e alla coppia Elite e un po’ relato al fatto che prima eravamo in tetto al mondo e adesso tutto sembra che non sappiamo piu remare (metaforicamente i ragazzi sanno remare eccome). Secondo me è possibile ottenere dei risultati migliori perchè penso che ci sia il potenziale e mi aspetto che i tecnici siano in grado di fare i necessari cambiamenti per poter ottenere i risultati di cui abbiamo bisogno.
      Spero di essermi chiarito.
      Un cordiale saluto.

  4. Mah, io penso solo che in una azienda che vuole funzionare, non si aspetta il bilancio di fine anno per dire…siamo rovinati!!! Ci sono riunioni mensili e bilanci semestrali. Insomma tutta una serie di controlli che devono comunque essere positivi altrimenti si cambia strategia. A me pare invece che i ‘controlli’ siano stati fino ad ora negativi. Hanno ragione anche i colleghi a dire aspettiamo… Ok aspettiamo. Però se alle Olimpiadi facciamo un bel buco nell’acqua non ci si meravigli; i segnali di pericoli ci sono stati ed anche ben evidenti. Non è necessario cambiare il DT come nel calcio ogni due partite; serve invece una analisi “SPIETATA” della situazione e poi si prendano i relativi provvedimenti.

    1. Son d’accordo con te Andrea, ma suppongo (non ho alcuna evidenza di questo) che il DT fosse quello che intendeva quando ha detto che le idee adesso son più chiare. Quel tipo di analisi, cambiamenti e aggiustamenti, vanno fatti tra i tecnici. Noi al di fuori del circolo non sappiamo tutti i risvolti e tutti i problemi che devono sono affrontati dai tecnici. Esprimere un parere senza conoscere tutti i fatti e po’ stupido secondo me. Fa tanto da “calcio” dove abbiamo visto con i recenti mondiali tutti tranne Prandelli avrebbero fatto meglio come allenatori.
      Secondo me adesso come adesso abbiamo 2 potenziali medaglie Olimpiche forse 3. Se le mie predizioni si avverassero sarebbero 2 medaglie Olimpiche in piu delle passate Olimpiadi. Quindi un successo. Secondo me il goal dovrebbe essere di arrivare a magari 4 e possibilmente 1 dovrebbe essere un oro. Però sai quello sarebbe un po’ troppo bello per essere vero.

    1. logicamente ognuno è libero di pensarla come vuole ma comunque i risultati sono sempre molto piu positivi di quello che abbiamo visto alle Olimpiadi di Londra, quindi stiamo andando nella giusta direzione.

    1. Paolo Londra era un punto d’arrivo per i tecnici precedenti. Questo è un punto di passaggio per l’attuale dirigenza tecnica. A Londra il numero di finali conquistate era ridicolo. Qui abbiamo del potenziale e si spera che possiamo solo migliorare. Logicamente è sempre possibile che gli attuali tecnici facciano come i tecnici passati e tolgano dalle barche gli atleti piuù validi per dimostrare che sono loro a comandare e impongano regole assurde frustrando tutti gli atleti interessati. La mia speranza è però che si rendano conto del duro lavoro che stanno imponendo agli atleti e che siano più intelligenti ed abbiano imparato dagli errori passati.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...