Uomo di ghiaccio senza compromessi: Elia Luini

Elia Luini
Elia Luini

“Sii sempre pronto a dire ciò che pensi ed il vile ti scanserà”. Il proverbio infernale di William Blake sembra perfettamente tagliato per  Elia Luini. Il vogatore varesino, “uomo di ghiaccio” per un calendario e soprattutto tempra, è pronto ad assumersi le proprie responsabilità. Tanto sul campo di regata quanto nella vita di tutti i giorni, tanto per le proprie azioni quanto per i pensieri. “Certe cose che a 20 anni accettavo, oppure questioni su cui soprassedevo, ora non mi stanno più bene”.

Ma i sacrifici, quelli imposti dalla nuova gestione per il rilancio, è disposto a farli. Come all’età di 20 anni… Dieci podi in barca olimpica, tra Mondiali e Sidney 2000, e la voglia di sfatare la maledizione a cinque cerchi costituiscono prezioso carburante per il suo nuovo viaggio. Destinazione Rio de Janeiro, Brasile, nell’anno della sua trentasettesima primavera.  Così come la volontà di mettere la sua esperienza al servizio di chi si allena assieme a lui. E’ un veterano, ma Elia non chiede né sconti né tutele. Vuole tagliare il traguardo con le sue forze perché, tornando a Blake, “nessun uccello vola troppo in alto se vola con le proprie ali”. 

 

Con Martino Goretti
Con Martino Goretti

Elia, diamo ancora un ultimo sguardo alla stagione post-olimpica. Più felice per la medaglia o più dispiaciuto per aver mancato, dopo 15 anni, la partecipazione alla barca olimpica?
Più felice per la medaglia.  Ero consapevole di essere partito in ritardo con la preparazione avendo deciso di prendere un po’ di respiro post Olimpiade. Quindi lo scorso anno ci poteva stare pure un due senza, un’esperienza divertente vissuta assieme a Martino”.

Dalla coppia alla punta. Come è avvenuta questa tua conversione? Pensi che sarà definitiva, almeno sino a fine quadriennio, oppure…?
“Non so, dipenderà da tante cose. Da me e da come andranno i miei compagni di squadra. In questo sistema, comunque, tutto è possibile fino all’ultimo. L’importante è farsi trovare sempre pronti per qualsiasi cosa”.

 

Giovincello, con Leo Pettinari
Giovincello, con Leo Pettinari

In questo anno e mezzo, sono più le analogie o le differenze rispetto al periodo vissuto con La Mura DT sino al 2004?
“Più analogie sicuramente, anche se in passato il DT era più presente sul campo e questo a mio parere era una buona cosa. Tante incomprensioni o errori si evitavano”.

In generale, dove sta facendo bene questa nuova Federazione e dove, invece, si può migliorare?
“Non spetta a me giudicare l’operato della FIC, io posso solo esprimermi personalmente sull’area tecnica. Penso si stia risparmiando tanto visto i tempo duri, ma, ciò nonostante, si sta facendo e investendo tanto nei raduni. Il mio auspicio è solo che  tutti questi sacrifici costantemente richiesti a noi atleti servano e siano funzionali a farci ottenere risultati brillanti”.

In quattro senza al Memorial d'Aloja
In quattro senza al Memorial d’Aloja

Almeno in otto per un posto in quattro senza, adesso. Cosa mette Elia Luini sulla bilancia a disposizione dell’equipaggio?
“Sicuramente ho più esperienza di un giovane, questo a volte però è un male. Certe cose che a 20 anni accettavo, oppure questioni su cui soprassedevo, ora non mi stanno più bene. I giovani li vedo molto volenterosi e disposti a mettersi in gioco. E’ una bella cosa! Il gruppo è ancora vasto, ma sicuramente è un bel gruppo e tutti ci comportiamo sempre con sportività. Questo è positivo per la crescita di tutti”.

Ti senti cambiato rispetto al passato?
“Fisiologicamente son rimasto uguale al passato e sto facendo più o meno gli stessi tempi di allora. E’ una bella soddisfazione personale. So bene che nella vogata di punta devo ancora migliorare un pochino ma ci si allena proprio per questo”.

C’è un fioretto che sei disposto a fare per partecipare alla tua quinta Olimpiade?
“Ma non vedi, Marco, che lo sto già facendo. Sto accettando e affrontando tutti questi giorni di raduno, per di più a Piediluco. Un posto che ho sempre odiato. Sarò di parte ma il lago di Varese è tutt’altra cosa”.

Foto Perna e Seyb

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...