Malcolm aiuterà ancora Oxford

Pechino 2008. Malcolm esulta per esser diventato campione olimpico
Pechino 2008. Malcolm Howard esulta per esser diventato campione olimpico

Il prossimo 7 febbraio ci faremo reciprocamente gli auguri, anche se lui i 30 li ha già “scollinati” nel 2013, lasciandomi così la speranza di una onirica, tanto remota quanto irrealizzabile, rimonta. Di qui in avanti, comunque, potrò sempre dare la colpa ad Andrea Coppola, capro espiatorio “honoris causa”, per la mancata chance. Peggio per lui se, in carenza di vogatori di punta, non si sarà tolto il dubbio di recuperare un ex ex ex vogatore genovese, oggi dotato di un certo peso e convertito ai vizi ed agli ozi della penna.

Malcolm Howard, canadese classe 1983, sarà una delle stelle della prossima Boat Race. Edizione numero 160 (la prima nel 1829), domenica 30 marzo alle ore 15. Oxford, vincitrice nel 2013, deve recuperare terreno poiché Cambridge conduce 81-77 (parità nel 1877). La carta Howard, già spesa un anno fa, è un asso di briscola. Dopo Kip McDanie (Cambridge) e  Mike Evans (Oxford), il terzo uomo del Canada a vincere la madre di tutte le gare.

Quasi due metri d’altezza per 106 chilogrammi di peso, Malcolm sta per terminare gli studi di Medicina. Nel 2001, a Duisburg, conquista il bronzo ai Mondiali Junior nel 4 con.  Nel 2003, a Belgrado, si laurea campione mondiale Under 23 nell’otto. La prima medaglia assoluta? Il bronzo a Eton 2006 nel due senza. Poi il Canada decide di puntare al bersaglio grosso alle Olimpiadi di Pechino nell’Ammiraglia. I cavalli di razza vengono già scoperti a Monaco 2007. Oro, Germania cacciata a oltre due secondi. Malcolm è a centrobarca. Quarto carrello, un motore potentissimo. Replay a Pechino 2008, questa volta a inchinarsi è la Gran Bretagna. Mai in questa gara, come al Mondiale, il Canada sarà costretto a rincorrere. Sempre lepre.

Vinto il titolo olimpico, prima è l’otto canadese a rilassarsi: “soltanto” secondo a Poznan 2009. Poi è lo stesso Howard a bighellonare: giù dall’Ammiraglia, quinto in finale C in singolo a Lake Karapiro 2010!

Sembrano esserci problemi per il ritorno sull’otto, ma, si sa, chi la dura la vince. Sempre. Nel 2011 la risalita. Prima arriva finale in singolo a Lucerna e poi,  per i Mondiali preolimpici di Bled, viene richiamato sull’otto. Il suo contributo si fa sentire. Bronzo! Vola a Londra 2012 per difendere il titolo olimpico e rovesciare lo strapotere della Germania, tre ori nei tre Mondiali del quadriennio. Combattutissima finale con tedeschi e inglesi. Argento, non più oro. Pazienza, nella vita bisogna anche sapersi accontentare…

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...