Poche vogatrici anche a Rio 2016, la FISA ci pensa

L'otto femminile degli Stati Uniti oro a Londra 2012
L’otto femminile degli Stati Uniti oro a Londra 2012

Ancora non sono ufficiali i criteri di qualificazione per le Olimpiadi di Rio de Janeiro. Mancano meno di due anni, però, al Mondiale in cui verranno assegnati i primi posti. Aiguebelette 2015. Tempo di ragionamenti, quindi, in casa FISA allo scopo di determinare eque regole. Due i punti fermi: 550 atleti e 14 specialità, secondo la decisione CIO di confermare i numeri di Londra 2012 ed a Chungju la nostra Federazione internazionale ha ribadito che le 14 specialità saranno, come a Eton, otto maschili e sei femminili.  

Il report post Londra 2012, stilato dalla  Olympic Programme Commission del CIO, evidenzia due peculiarità nella disciplina olimpica Canottaggio. Tanti uomini e poche donne. I primi sono quasi il doppio delle seconde. Dei famosi 550 partecipanti, 353 erano uomini (64,3%) e 197 donne (35,7%). Universalità, nel senso di numero di nazioni presenti, ridotta. Provano a qualificarsi in 101, ce la fanno soltanto in 58.

Le soluzioni? Aumentare di 23 unità i posti a disposizione per le donne, con conseguente riduzione degli uomini, al fine di diminuire il gap di partecipazione: l’obiettivo è avere 60% uomini e 40% donne.  Per aumentare il numero di nazioni, si proporrà, invece, un numero massimo di barche che individualmente un Paese potrà qualificare nelle regate di qualificazione continentale (es. nel 2012 Alessandria d’Egitto per l’Africa, Buenos Aires per l’America Latina e Chungju per l’Asia) o nella finale di qualificazione olimpica (es. Lucerna 2012, in cui Battisti e Sartori staccarono i biglietti per Londra). E poi inserire l’Oceania in una già esistente regata di qualificazione continentale con la speranza che non si qualifichino solo Nuova Zelanda ed Australia…

Sono ipotesi d’azione sottoposte, con richiesta di commenti, anche alle Federazioni nazionali. Tre settimane per pensarci. Il 15 dicembre la FISA invierà la sua proposta al CIO.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...