Quattro di coppia: su le donne, giù gli uomini

canottaggiomania_Lucerna_4coppiafemminilePagella soltanto posticipata poichè questo pomeriggio, una volta ricostruita la Nazionale Under 23 di scena a Linz tra pochi giorni, ci siamo concentrati su quella priorità. Ora, completiamo la valutazione di Lucerna dopo aver messo sotto la nostra lente di ingrandimento gli equipaggi medagliati. Stavolta, diversamente da Siviglia, c’è anche qualche insufficienza. Grave o meno grave… 

Quattro di coppia femminile (Laura Schiavone, Giada Colombo, Sara Magnaghi, Gaia Palma) – Dopo il podio europeo, arriva un quarto posto in Coppa del Mondo a Lucerna. Quasi sette secondi dall’Australia, terza, sono ancora un gap importante da colmare ma per tre quarti d’equipaggio era la prima finale di Coppa del Mondo. In più, aggiungiamo la forte coesione del settore femminile, ben amalgamato da Claudio Romagnoli, e la gran voglia di tutto l’equipaggio di esser protagonista ai Mondiali correggendo i propri difetti allenamento dopo allenamento. La strada è quella giusta e le leonesse sapranno ancora graffiare. Voto 7,5. 

Otto maschile  (Leopoldo Sansone, Fabio Infimo, Domenico Montrone, Vincenzo Abbagnale, Sergio Canciani, Vincenzo Capelli, Andrea Caianiello, Andrea Tranquilli, tim. Gianluca Barattolo) – Non discutiamo l’affiatamento del gruppo di punta e, globalmente, la sensibile crescita da Siviglia a oggi grazie al buon lavoro di Andrea Coppola. Però entrare in finale a Lucerna era un obiettivo alla portata di quest’equipaggio, certamente molto ben allenato e competitivo come dimostrano i tempi. Peccato aver trovato la giusta formazione, con le migliori posizioni in barca, dopo la batteria e non prima. Oltre alla seconda barca della Gran Bretagna, anche Polonia e probabilmente Francia potevano cadere nella nostra rete. Il progetto va, anzi deve, andare comunque avanti e bisogna continuare a investire su questi ragazzi. Voto 5,5 

Quattro senza Pesi Leggeri (Paolo Di Girolamo, Stefano Oppo, Guido Gravina, Giorgio Tuccinardi) – Barca non ancora competitiva a livello internazionale: coraggiosa ad attaccare sempre in semifinale prima di finire in riserva ma troppo timorosa e rinunciataria in finale B per esser vera. Comunque ci sono giovani di valore, pronti ora ad affrontare il Mondiale Under 23 nella stessa specialità e rilanciare così le proprie quotazioni per un futuro a livello assoluto. Intanto Antonio La Padula ed il DT si rimetteranno al lavoro, da giovedì, per costruire un nuovo quattro senza PL. Voto 5. 

Quattro di coppia maschile (Matteo Stefanini, Simone Venier, Simone Raineri, Luca Rambaldi) – Involuzione davvero inspiegabile: dall’ottima prestazione degli Europei, bronzo a otto centesimi dall’argento, a un brutto dodicesimo posto. Mediocre batteria, spenta semifinale e pessima finale B, proprio qui dove avrebbero, invece, dovuto tirare fuori il massimo delle proprie potenzialità per riscattarsi. Un passo falso, quindi, anche se nulla è compromesso in merito all’obiettivo annuale: il Mondiale. Sicuramente Franco Cattaneo farà nuove prove. Anche se il risultato finale è uguale a quello del quattro senza PL, il voto è più basso perché da vogatori più esperti, nonché plurititolati, ci si aspetta sempre un risultato migliore.   Voto 4. 

Altri voti

Giulia Pollini: voto 6,5 (cattiva al punto giusto in finale B)
Due senza Aniene (Giuseppe De Vita, Andrea Palmisano): voto 6 (prestazione globalmente sufficiente dopo una combattuta finale B)
Due senza PL (Vincenzo Serpico, Francesco Schisano): voto 7- (non lontani dal podio, peccato per la perdita di smalto negli ultimi 500 metri)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...