Con il coltello tra i denti

Laura Milani e Betta Sancassani
Laura Milani e Betta Sancassani

Meno due al via delle sfide di Coppa del Mondo a Lucerna. Diamo un po’ un’occhiata agli avversari che troveremo sull’incandescente Rotsee e poi, domani, magari proveremo a sbilanciarci con previsioni degne del miglior Bernacca.

Due senza maschile – I matador Marco Di Costanzo e Matteo Castaldo sono una delle piacevoli sorprese di quest’avvio di stagione. Sorprese sino a un certo punto, poiché ci dicono si siano allenati molto e bene per entrare stabilmente in Nazionale. Primi mediterranei a Mersin, quarti agli Europei. Entreranno a contatto, per la prima volta, con gli alieni Bond e Murray, imbattutti da quattro anni.  Tre settimane fa, a Eton, i neozelandesi hanno stabilito il nuovo record di Coppa del Mondo. Alle Olimpiadi, il loro due senza viaggiava addirittura tre secondi più veloci del doppio dei colleghi altrettanto campioni olimpici Cohen e Sullivan…  “Potrà qualcuno prenderli?” recita WorldRowing. Non certo i francesi Chardin e Mortelette, argento a Londra 2012, ma schiantati (sesti) agli Europei ed assenti ai GdM. Occhio, però, a non considerarli seri pretendenti per il podio.  Argento agli Europei, argento in Coppa del Mondo: questa Polonia varrà davvero molto?

Francesco Fossi e Romano Battisti
Francesco Fossi e Romano Battisti

Doppio maschile – Chiamateli stupidi. I neozelandesi cambiano completamente ordine e tipo di fattori, da Cohen-Sullivan a Manson-Arms, ma il prodotto non cambia. Oro a Eton nel 2012, oro a Sidney ed Eton nel 2013. Gli opporremo i nostri top players: Francesco Fossi e Romano Battisti. I tedeschi Knittel e Krueger, iridati nel 2009, cercheranno di tirar via i cerotti dopo le sconfitte di Siviglia (Italia) ed Eton (NZL).  La Gran Bretagna non rimarrà a guardare con la nuova combinazione Langridge-Lukas e vedremo se ancora, negli occhi degli argentini Suarez e Rosso, arderà ancora il fuoco di Olimpia dopo il quarto posto.

Quattro senza maschile – Noi ci presentiamo con metà equipaggio cambiato rispetto a Siviglia. Giù Canciani e Capelli, su Perino e l’iridato junior Lodo con la conferma di Vicino e Paonessa. Gran Bretagna ed Australia l’ordine d’arrivo alle Olimpiadi, con rivincita (vittoria di Pirro?) aussie quasi un anno dopo sullo stesso campo di regata.  Scommettiamo anche sull’Olanda, fresca detentrice del titolo europeo? Oppure puntiamo sull’immarcescibile Germania?

Doppio leggero femminile – E’ vero, in Coppa del Mondo a Eton hanno trionfato le tedesche Mueller e Noske, finaliste alle Olimpiadi. Ma agli Europei le nostre azzurre Laura Milani e Betta Sancassani hanno inflitto loro un distacco pari a quasi cinque secondi riducendole a semplici comparse.  Quindi… piedi per terra ma ottimismo e fiducia in questa specialità. La Grn Bretagna schiera Twtman e Walsh, la Polonia risponde con Welna e Deresa.

Doppio leggero maschile – Nuovo giro di valzer per Andrea Micheletti e Pietro Ruta. Quarti agli Europei, vogliono contrastare lo strapotere francese (Delayre ed Azou) di Siviglia.  Peter e Richard Chambers rimpiazzano Hunter e Purchase sulla barca inglese e sono pericolosi anche i norvegesi Brun e Strandli of Norway. La Danimarca? Mette insieme i suoi migliori singolisti: Stephansen e Jensen.

Quattro senza leggero – Linea verde Italia con Oppo, Di Girolamo, Gravina e chioccia Tuccinardi. Fast and furious: la finale del quattro senza nell’ultima prova di Coppa del Mondo. Imbattuta, sinora, la Nuova Zelanda. Alla ricerca della rivincita la Danimarca. All’esordio i campioni olimpici del Sufafrica. Vogliamo dimenticarci la Gran Bretagna? Sono, solamente, i campioni mondiali uscenti…

Quattro di coppia femminile – Germania frangiflutti agli Europei ed in Coppa del Mondo.  Dormiranno sonni tranquilli anche a Lucerna? Intanto, non si graffieranno con l’Ucraina. Assenti le campionesse olimpiche. I conti con la Polonia andranno sempre fatti. L’Olanda, seconda agli Europei, e l’Italia (Schiavone, Colombo, Magnaghi, Palma), terza, proveranno a guastar la festa. L’Australia schiera l’equipaggio iridato Under 23.

Quattro di coppia maschile – Mai dar per morta la Croazia. Sesta agli Europei, prima in Coppa del Mondo. I ragazzotti, nell’ultimo quadriennio tre volte iridati Under 23 ed a livello assoluto nel 2010 con la ciliegina (argento) olimpica, vogliono spiccare il volo anche a Lucerna. Germania permettendo. Già, anche i campioni olimpici scendono in campo. WorldRowing invita a osservare anche l’Estonia con attenzione. Otto centesimi dietro la Polonia, agli Europei, l’Italia di Stefanini, Venier, Rambaldi e Raineri. Formazione invariata, WorldRowing è curiosa di sapere dove potranno arrivare i nostri azzurri sotto una nuova leadership tecnica.

Otto maschile – Leopoldo Sansone, Fabio Infimo, Domenico Montrone, Vincenzo Abbagnale , Sergio Canciani, Vincenzo Capelli, Andrea Caianiello, Andrea Tranquilli, Gianluca Barattolo-timoniere. E’ la formazione azzurra proposta dal caposettore Andrea Coppola. La vorace Germania vuole estendere i confini del suo Impero. Continuare a vincere, dopo un quadriennio lastricato di successi, è l’imperativo. A Lucerna, per la prima volta, l’incontro con la Gran Bretagna. Occhio anche agli Stati Uniti, beffati alle Olimpiadi conclude con una bella medaglia di cartone. Anche Polonia e Francia affilano gli artigli, ma basterà per salvarsi dall’uragano Germania?

Nelle sfide internazionali, al via per l’Italia la singolista leggera Giulia Pollini ed il due senza leggero Schisano-Serpico.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...