Giocando nel Mediterraneo

Da Pescara a Londra: quanta strada, Romano...
Da Pescara a Londra: quanta strada, Romano…

Arrivano i Giochi del Mediterraneo, la più grande partecipazione all’estero della storia dello sport italiano di tutti i tempi. 419 atleti, di cui 259 uomini e 160 donne, si ritroveranno a Mersin (Turchia) dal 20 al 30 giugno prossimi. Canottaggio in barca corta, senza il doppio leggero rosa cancellato, come altre specialità in altre discipline sportive, a cauda di poche iscrizioni. 

Simone Raineri, oro ad Almeria 2005
Simone Raineri, oro ad Almeria 2005

Quel che interessa al Coni, alle Olimpiadi ma anche e soprattutto ai Giochi del Mediterraneo dove è in ballo la leadership del nostro Mare e soprattutto la sfida con i cugini francesi è molto sentita,  è far camminare il medagliere. Tale obiettivo si raggiunge soprattutto con gli ori che nel 2009, nelle acque del Lago di Bomba, gli azzurri del remo non riuscirono a conquistare fermandosi a quattro argenti e tre bronzi. Diversamente, quattro anni prima ad Almeria, l’Italia del DT Beppe De Capua vinse il medagliere con quattro ori, un argento e due bronzi. Un record, con il primo successo femminile di Elisabetta Sancassani. In quel caso, il contributo del canottaggio fu fondamentale nell’ottica della classifica generale. I conti finali parlarono infatti di 57 ori, 40 argenti e 56 bronzi per l’Italia, mentre per la Francia ci furono 56 ori, 51 argenti e 46 bronzi.

Pietro Ruta
Pietro Ruta

Il DT Giuseppe La Mura affronterà quest’impegno con dieci motivati atleti, rinfrancati dalle buone prestazioni di Siviglia. Rispetto agli Europei, sono confermati il singolista Francesco Cardaioli, il due senza Di Costanzo-Castaldo ed il doppio Fossi-Battisti. Due donne in pista: Giada Colombo nel singolo Senior, Laura Milani tra le PL. La novità è nei Pesi Leggeri dove un doppio targato Gavirate-Varese si presenta ai nastri di partenza. Sono tutte scelte assolutamente condivisibili e comprensibili. Elia Luini e Andrea Micheletti: è tempo di esperimenti e Mersin può esser senz’altro il momento giusto per valutare questa coppia tenendo presente Peppo Ruta, miglior singolista ed altro candidato al doppio (quarto con Micheletti a Siviglia), si misurerà nella specialità in cui negli ultimi due anni ha ottenuto diversi successi in Coppa del Mondo, un argento (2011) ed un quarto posto ai Mondiali.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...